Prima Pagina
Reg. Tribunale Lecce n. 662 del 01.07.1997
Direttore responsabile: Dario Cillo


 

CERVELLO E PENSIERO CREATIVO

PAOLO MANZELLI LRE@UNIFI.IT

       Cari miei piccoli amici del Progetto “EGO-CreaNET”/LEFO  "THINKING CREATIVITY"

La struttura del cervello e’ suddivisa in due sezioni  “Destra e Sinistra” , che sono particolarmente differenziate negli Emisferi Cerebrali Superiori. Tale suddivisione rispecchia il fatto che anche il nostro corpo e ha una articolazione binaria , abbiamo infatti due occhi due orecchie due buchi del naso una lingua che differenzia il dolce dal salato … due mani due gambe e cosi via dicendo.

Cio’ suggerisce che le funzionalita’del cervello, come espressione di una attivita’ pensante, sia anch’essa duplice , e cio’ vuol dire che possiamo significare cio’ che osserviamo mediante due modalita’ complementari: l’ una  logico- razionale ( cioe’ :sequenziale , analitica ; deduttiva) ed l’ altra intuitiva-olistica ( cioe’ :sintetica, globalizzante, induttiva) le quali corrispondono fondamentalmente alle funzionalita’  differenziate dei due emisferi cerebrali.

Certamente e importante capire come queste due modalita’di pensare  possano essere correttamente coordinate per acquisire differenti livelli e stili di pensiero, in modo da non generare contraddizioni che interiormente conducono a pericolose scissioni della presa di coscienza nella costruzione di una propria  personalita’ creativa.

Dagli studi di RMF ( Risonanza Magnetica Funzionale) si interpreta la differente funzionalità dei due emisferi cerebrali come duplice capacita’ di mettere in correlazione la “Memoria a Lungo Termine” (MLT) con i processi di “Memorizzazione a Breve Termine”  (MBL) da cui consegue la maggiore o minore capacita e rapidita’ di azione/reazione del pensiero.  

Il pensiero e’ infatti determinato dal flusso di attivita’ mnestiche che utilizzano differenti schemi di relazioni tra MLT e MBT,i quali si vanno ad interporre il vecchio ed il nuovo  flusso di informazione circolante tra il mondo esterno e la nostra abilita cerebrale fisiologica di interpretazione e significazione della informazione complessiva.

 

- Emisfero sinistro: modalità  logico formali per semplificare la complessita’ dell’ informazione.

 

La funzionalità logico-razionale dell’ emisfero  Emisfero Sinistro si sviluppa attivando la capacita   associativa della “Area di Wernike” che tende a facilitare una integrazione piu’ diretta con la MLT. L’operazione logico significativa si basa sostanzialmente sulla combinazione di quattro operatori logico-formali che corrispondono nel linguaggio parlato a:  <SI, NO, E, O>. che servono per analizzare e combinare in termini di unita’ piu semplici la dinamica complessa del flusso della informazione. Il “SI” fa procedere il flusso del pensiero e la “E” , permette di connettere una sezione o immagine acquisita con una successiva , mentre il “NO” interrompe il flusso del pensiero e lo devia verso una alternativa selezionata da “O”. Nella logica matematica tali operazioni vengono ulteriormente semplificate nelle quattro operazioni fondamentali Addizione, Sottrazione, Moltiplicazione e Divisione.

Questa Modalità del Pensiero Logico, attribuibile alla predominanza delle attivita’ dell’ Emisfero Sinistro del Cervello, indirizza l’ attenzione ed in confronto attuabile in termini di riconoscimento e di identita’, con la passata esperienza acquisita della MLT. Certamente il pensiero logico mediante i suoi operatori analitici , ha la capacita di scoprire il miglior modo di combinare sezioni del flusso di informazione separandole selezionandole e combinando le sezioni prescelte ed infine generando una estensione capace di determinare un “pronostico sul da farsi”; in questo modo diviene possibile risolvere i problemi complessi mediante una elaborazione significativa del flusso di informazione (PROBLEM-SOLVING) Certamente tale metodologia contiene il rischio di consolidare le proprie modalita di pensiero attivando sistematicamente le aree cerebrali che permettono di combinare nel miglior modo il risultato di una riflessione logica;  ma di fatto cio’ non permette di scoprire se le unita di pensiero pre-selezionate dalla logica combinatoria sono inadeguate.

Pertanto il cervello nella sua interezza funzionale consente di riorganizzare intuitivamente l’informazione complessiva mediante percorsi paralleli piu’ propri delle modalita’ di pensiero dell’ Emisfero Destro .Il “SE” rappresenta una modalità critica che corrisponde a un atteggiamento di “Dubbio” saggiamente tendente a favorire l’intuito ed anche la fantasia, cioe’ quelle attivita’ cerebrali che indubbiamente divengono necessarie proprio per ottenere una valutazione complessiva degli schemi logici applicati troppo rigidamente, i quali  tendono ad impedire la capacita di delineare nuove significazioni sulla base di rinnovate aspettative, non facilmente prevedibili mediante la ripetitiva applicazione delle sequenze combinatorie degli operatori logico formali.

 

Emisfero Destro e “Pensiero Laterale” per modificare gli schemi logico-interpretativi.

La natura del pensiero e anticipativa e quindi guarda verso il futuro; per far cio’ utilizza la ricostruzione  esperienze del passato . Comprendiamo infatti come non sia  possibile direzionare il flusso di pensiero nella direzione giusta osservando con sempre maggior attenzione logico-analitica nella direzione sbagliata. Cosi se uno fa una buca nella sabbia e non trova l’ acqua deve risolvere di cercarla da una altra parte piu’ conveniente modificando le ipotesi dalle e’ partito per ottenere quel fine. Da cio consegue che utilizzazione del “SE” agisce come il pollice tra le dita di una mano che essendo capace di sovrapporsi alle altre dita permette di renderci coscienti dei limiti del pensiero logico-formale e quindi facilita la capacita di sviluppare le attivita parallele del “PENSIERO LATERALE “ ("Lateral Thinking"), che sono piu’ proprie dell’elle modalita’ di  significazione complementare attuate dall’ Emisfero Destro del cervello al fine di EVITARE GLI ERRORI ancor PRIMA di RISOLVERLI (PROBLEM-SAVING) .

Il medico psicologo, Edward DeBono identifica quattro fattori importanti che suggeriscono una atteggiamento volto a utilizzare in modo sinergico e complementare il  “pensiero laterale” : 1) al fine di riconoscere e modificare i criteri e le idee dominanti 2) le quali  polarizzano la percezione di un problema, 3) ed impediscono di cercare  modalita’ differenti di guardare le cose 4) e quindi  di flessibilizzare il controllo rigido del pensiero logico-lineare per incoraggiare lo sviluppo della creativita’

 

Ricordo infine che divenire creativi non significa solo inventare qualcosa di nuovo o essere originali per forza, ma essenzialmente significa invece  trovare soddisfazione nell’ utilizzare al meglio entrambe le potenzialità di sviluppo del proprio cervello.

BIBLIO –LINK

Creativita’ e Memoria : http://www.edscuola.it/archivio/lre/cremem.html

Cervello e Pregiudizi : http://www.edscuola.it/archivio/lre/precognit.html

Pensiero Laterale : http://www.managerzen.it/Parliamo/pensierolaterale/pensierolaterale.htm

http://digilander.libero.it/basecinque/penslate/latzen.htm


La pagina
- Educazione&Scuola©