Prima Pagina
Reg. Tribunale Lecce n. 662 del 01.07.1997
Direttore responsabile: Dario Cillo


 

Dinamiche cognitive di trasformazione e scenari mentali per l'innovazione *

SCHEMA dell' INTERVENTO :*  a FUTURE e-LEARNING  10-DIC-2003
(see: http://www.tils.com/fuel) (&)

 

  • Paolo Manzelli – LRE-EGO-CreaNET – Universita’ di Firenze <LRE@unifi.it>

    1) La Dinamica delle Trasformazioni in Natura

     
  • Breve Filmato (5') : Osservazione di una Trasformazione "dal CAOS ad un Nuovo ORDINE molecolare" Le trasformazioni Chimiche Oscillanti di Ilya Prigogine.

 

 

2) La Dinamica delle trasformazioni cognitive nei sistemi di apprendimento.

Premessa : Distinzione tra :

*e.Learning *= Trasferimento "Docente -Studente A-Distanza" (organizzazione verticale- tipologia di training "in processi di aggiornamento e consolidamento " ) per la formazione a distanza nel quadro di una andamento di innovazione progressiva ( nell' ambito di quelli che Thomas Kuhn definisce come periodi normali della produzione della ricerca separati spesso indipendenti da attivita' di business innovation) ( nel trasferimento educativo l' innovazione e' a monte la formazione e' a valle. )
*Net_learning* = Condivisione di conoscenze "Senza Distanza" ( organizzazione Parallela ) per dare sviluppo costruttivo ed anticipativo a nuovi paradigmi cognitivi multidisciplinari orientati verso il cambiamento del Knowledge Management della Dirigenza tra Universita'ed Impresa . Tale prassi formativa collaborativa necessita la preliminare costituzione di nerworking-team per l'esercizio di una "intelligenza connettiva" finalizzata ad un apprendimento collaborativo di integrazione scientifica ed economica nel quadro degli sviluppi della Economia della Conoscenza. ( Vedi : NET-Learning : http://www.edscuola.it/archivio/lre/netlearning.html )

Cambio di Mentalita' ed Impatto Psico Sociologico.

Distinzione tra :
**Localizzazione* *dell'Insegnamento ( Determina intensivita' nella dimensione sensoriale prossemica e limitazione della estensione della comunicazione)
*Delocalizzazione* dell' Apprendimento ( inverte il precedente rapporto agendo in estenzione al cyberspazio della comunicazione e limitandone la sfera sensoriale)
Vedi : Comunicazione in rete e spazialita prossemica : http://www.edscuola.it/archivio/lre/prossemica.htm )
-*Livelli di evoluzione intellettuale* e sviluppo di modelli interpretativi scientifici delle relazioni Materia/Energia ed Informazione.
caos, cosmos,cronos : http://www.edscuola.it/archivio/lre/caos.html ; la luce, londa la particella : http://www.edscuola.it/archivio/lre/luce.html
- *Condizioni Cerebrali di Empatia* per Internet : http://www.edscuola.it/archivio/lre/empatia.html

-

 

 *Conclusione* : Nuove frontiere cognitive e nuovi itinerari di sviluppo della Ricerca e del Business nella Economia della Conoscenza.
Nuovi Rapporti tra Beni Tangibili e Beni Intangibili : http://www.edscuola.it/archivio/lre/valorizzazione_beni_intangibili.htm
Economia della Conoscenza ed Conoscenza della Economia : http://www.edscuola.it/archivio/lre/economia_della_conoscenza.htm
Progetto Europeo "Mental -Change"- Priorita' 7 KNOWLEDGE DYNAMICS : http://www.edscuola.it/archivio/lre/mental/index.ht

 

SPUNTI DI APPROFONDIMENTO

 Approfondimenti – richiesti da : FUeL (Future e-learning) risponde: Paolo Manzelli

 §        Dal mondo degli atomi a quello dei bit: come è cambiato il processo di apprendimento?     Quali possono essere le strategie per progettare l’apprendimento in rete?

 

Distance Learning ed e.Learning sono sinonimi  di educazione in rete internet.

I sistemi di apprendimento a distanza debbono essere utilizzati con modalità adatte alle varie possibilita’ di interazione comunicativa Uomo-Macchina.

E ‘ importante innanzitutto comprendere i limiti della strategie di apprendimento in rete facendo riferimento alle effettive capacita di apprendimento cerebrali dell’ uomo.

Quest’ ultime infatti sono basate sostanzialmente su due fondamentali proprieta’ a) elaborazione della informazione, b) processo di assimilazione.

Il primo e un procedimento tipicamente individuale in quanto ragionativo con memorizzazione a breve termine  , esso implica una forte attivita’ degli Emisferi cerebrali superiori, in particolare  dell’ emisfero sinistro (area di associativa di Werniche)

Il secondo corrisponde ad un processo successivo di assimilazione che comporta una integrazione delle aree centrali  del cervello ( in particolare l’ipotalamo ed il talamo) capaci di incidere sulla memorie a lungo termine che sono  fortemente correlate ad attivita’ emotive e partecipative e che pertanto sono facilitate da condizioni di vicinanza fisica e da dinamiche di gruppo.

Date le suddette caratteristiche principali dell’apprendimento risulta evidente la difficoltà dell’ apprendimento a distanza di sopperire alle forme di apprendimento caratterizzate da una efficace assimilazione cognitiva proprio in quanto la rete elidendo i rapporti di prossemici di vicinanza tende ad escutere una diretta emotività che e funzionale ad attivare le memorie a lungo termine.

Pertanto nell’ apprendimento in rete e’ necessario attuare una distinzione formativa tra “Intelligenza Connettiva “ ed “Intelligenza Collettiva” dato che quest’ ultima necessita di una partecipazione emozionale facilitata da condizioni di vicinanza fisica come si attua tradizionalmente nell’ apprendimento in classe .

§        Dall’e-learning al Net-learning: è possibile il passaggio da forme di apprendimento individuale a forme di apprendimento collaborativo?

NET-LEARNING – e’ un sistema di apprendimento collaborativo delineato per una strategia di “LEARNING BY DOING” , in un ambiente di comunicazione in rete mediata dal computer.

 

L’ apprendimento e di tipo organizzativo di un “TEAM Professionale Multi-disciplinare” per la fornazione di  “NET-Workers” .

Le SKILLS necessarie ad un "*NET WORKER*" sono il frutto della formazione di TEAM-WORKING tramite processi di "NET-Learning". NET Learning infatti Significa :

"*Network -Enabled Learning* "

 

Il "Net worker" e' colui che sa attivarsi utlizzando un sistema innovativo per assimilare produrre e valorizzare con successo la innovazioni nel settore dell' ITC .
La utilizzazione di una condivisione aperta di risorse crea infatti varie opportunita' per fruire di uno sviluppo della conoscenza collettivamente .
Il vantaggio del Net Worker sta nel saper utilizzare i modelli organizzativi della "net economy" in un contesto aperto al libero flusso di informazioni e conoscenze.

 

Il Net Worker esercita la sua professione lavorando in un sistema collaborativo multidisciplinare in internet;   l' apprendimento di NET Learning comporta la formazione di  mappe mentali relative ad uno spazio tempo piu' proprio di modelli gestionali basati sulla condivisione co-operativa della conoscenza ; cio'  permette di capire come  utilizzare al meglio la complessità provocata dall’imprevedibilità del mutamento cognitivo.

 

Infatti, la competitività sviluppata dal settore Internet richiede sostanzialmente lo sviluppo della "Economia della Conoscenza" nella quale l' accesso libero alle conoscenze  costituisce una  esigenza primaria , datosi che il  guadagno cognitivo ed economico e' sostanzialmente ricavabile dalla dinamica di sviluppo del processo integrato tra crescita economica e cognitiva,  e quindi non da una accumulazione di un sapere fine a se stesso .Di fatto e'  proprio la condizione di far parte integrante di una dinamica di sviluppo cognitivo condiviso, quella che permette al NET-Worker di sperimentare i criteri di sviluppo tramite un investimento nella «cooperazione progettuale competitiva».

 

In tal senso la produttività della Net Economy deriva dall’apporto differenziato in competenze ed abilita' dei NET WORKERS co-organizzati come  team multi disciplinari, che lavorano  in rete in condizioni definite come " senza distanza" , nelle quali infatti,si da' poca importanza a le condizioni di vicinanza o di distanza fisica, proprio  in quanto la metodologia di apprendimento in rete risulta essere ottimale per cooperare e per generare un lavoro creativo individuale e collettivo d’alta qualità nell' ambito della globalizzazione e trasformazione contemporanea della economia.


I maggiori incentivi motivazionali alla collaborazione tra Net-Workers derivano dal fatto che come nelle comunità scientifiche, il lavoro svolto da ciascuno gode di grande visibilità e i contributi individuali ,anche se diversi , vengono comunemente evidenziati e riconosciuti.

 

Doti iniziali necessarie al NET-Worker per intraprendere un corso operativo di NET-Learning , sono la capacita' di esercitare una continua relazionalita' in rete , una forte dose di autonomia e flessibilita' mentale, nonche'  la abilita' di lavorare in un team multi-disciplinare. Ai Net-workers quindi serve non solo una professionalità specialistica e culturalmente complessa, ma anche un atteggiamento mentale innovativo, che corrisponde ad una svolta culturale, che permette  di pensare al lavoro come un’impresa comune, da gestire e condividere con altri soggetti.

 

Sperimentazioni in tal senso sono state realizzate dal LRE-EGO-CreaNET e dal PIN della Universita' di Firenze , nell' ambito dei Progetti "TASTI", (Sigla che significa Telematic Agency for Scientific and Technological Information). Trattasi di una Simulazione di Impresa Telematica : ( vedi http://www.chim1.unifi.it/group/education/pin/tasti3/index.htm) nella quale si impara lavorando sul  Planning di progettazioni Europee .
In precedenza sono state realizzate altre due sperimentazioni di NET-LEARNING; , il Primo Progetto TASTI e' stato realizzato nel 1999 sul tema "Telework  " in varie situazioni di apprendimento; il secondo Progetto TASTI e' stato realizzato nel 2001 sul tema "e.Commerce" ed i risultati sono ancora visibili nel sito:
<http://www.chim1.unifi.it/group/education/pin/tasti2/index.htm>


 

BIBLIO on LINE :

NET-Learning : Strategie e Scenari di Sviluppo delle Formazione/Lavoro:  http://www.edscuola.it/archivio/lre/netlearning.html

Creatività Digitale nelle strategie di NET-Learning multimediale : http://www.edscuola.it/archivio/lre/creadig.html

NET- Learning : The Ultimate Learning System : http://216.111.22.218/index.htm
NET - Learmìning Strategies : http://www.aln.org/publications/jaln/v2n2/pdf/v2n2_bourne.pdf

 

§        Quali sono i cambiamenti di “mentalità” necessari per comprendere le nuove tecnologie e favorire il loro uso per lo sviluppo del Net-learning?

La societa’ industriale e’ stata basata su una logica di suddivisione funzionale della divisione sociale  del lavoro a riguardo di mansioni , mestieri e professioni , nonche’ delle discipline di insegnamento,  finalizzando in tal misura  ogni sfera di  attivita’ intellettuale e manuale  alla efficienza delle produzione industriale.

Nella evoluzione della Società della Conoscenza tale precedente stadio della divisione sociale ed internazionale del lavoro, sta andando progressivamente verso una crisi profonda a fronte di nuovi bisogni di una economia di network e di rinnovati trends sociali progressivamente  imposti dal contemporaneo processo di globalizzazione della economia.

Le nuove tecnologie informatiche della comunicazione in rete stanno  trasformando  profondamente il modo di operare dell'economia, e rivelano  enormi opportunità di crescita e consentendo alle imprese di espandersi entro extended enterprises qualora esse vengono favorite da  politiche economiche transnazionali innovative.

Il focus della problematica relativa alla costruzione di un nuovo modello di gestione  sociale e cognitiva, si accentra pertanto nell’ esigenza di attuare un cambio di mentalità nel quadro assai complesso della dinamica della innovazione del Knowledge Management, sia della impresa che della ricerca che dell’insegnamento entro una nuova dimensione integrata dell’ e.Govern.

 

A tal proposito LRE/EGOCreaNET sta sviluppando una Progettazione Europea denominata MENTAL CHANGE (°) , dove la suddetta problematica verra’ trattata a livello di una ampio consorzio Transnazionale finalizzato a favorire lo sviluppo della Economia Europea della conoscenza.  

Verranno trattati gli argomenti seguenti : tendenze all’ inversione del valore tra “beni intangibili e beni tangibili” ; le prospettive di ristrutturazione e riorganizzazione delle aziende in extended networked enterprises , e le  nuove opportunita’ di “team –working” nei network transnazionali tra impresa e ricerca .

BIBLIO LINK

Mental Change : http://www.edscuola.it/archivio/lre/mental/index.html

La Cultura e la Gestione del Rischio : http://www.edscuola.it/archivio/lre/cultris.html

Vedi anche altri articoli in LRE/EDScuola : http://www.edscuola.it/lre.html

 §    Quali sono le strategie adatte al superamento  limiti cognitivi nell’apprendimento in rete?

Gli ambienti di apprendimento nel Cyber-spazio dimensionano una nuova prospettiva nell’ ambito della formazione  delle mappe concettuali necessarie per avvalorare una significativa rappresentazione della innovazione cognitiva .

In particolare la carenza di livelli di comunicazione empatica in rete internet impone una limitazione evidente in confronto al  comportamento comunicativo “ vis a vis “.

E’ importante sapere che la natura delle emotività istintive a volte poco dipende da cio’ che sappiamo razionalmente. Infatti  il sistema neuro-fisiologico di comunicazione  “ascendente” agisce da sistema di controllo istintuale del comportamento , proprio in quanto  correla in modo diretto le pulsioni provenienti dalla amigdala con  informazioni sensoriali analizzate dal talamo. E quindi innato un comportamento istintivo che agisce  creando un circuito che anticipa la risposta comportamentale proprio  in quanto  agisce nel doppio  senso di attivazione o repulsione delle connessioni con la corteccia cerebrale superiore.

La  inibizione delle attivita’ cerebrali superiori  cortocircuita il sistema libico in cari estremi che corrispondono a situazioni di sopravvivenza  per le quali e’ utile la disattivazione della ragione; infatti in tali occasioni hanno il sopravvento la  paura ( ed a volte anche le fobie immaginarie),  disponendo  il nostro comportamento istintivo ad anticipare ogni capacita’ decisionale, disattivando ogni ricorso ad  una piu’ lenta e ragionevole riflessione.

Viceversa il sistema emozionale  si integra normalmente durante la elaborazione cerebrale della informazione, favorendo il richiamo e la accessibilità della attivita’ degli Emisferi Cerebrali Superiori alle cognizioni impresse nella memoria a lungo termine che sono fortemente radicate nella area talamica e ipotalamica del cervello.

Prendendo in considerazione tali conoscenze neurologiche risulta ancor piu’ evidenti sia le limitazioni che i vantaggi dell’ apprendimento in rete.

L’ apprendimento in rete non ha un sostitutivo adatto a innescare strategie cerebrali su base emozionale direttamente percepibile , e di conseguenza cio’ limita  la attivazione della  memoria a lungo termine che e’normalmente favorita dai  circuiti sottocorticali , eccezion fatta dei casi in cui scatta il meccanismo di sopravvivenza , che tende a cortocircuitare ogni elaborazione alternativa e piu’ ragionata dell’ informazione appresa.

Viceversa l’ apprendimento in rete ha il vantaggio di permettere ed imparare ad elaborare con ragionevolezza  una piu’ elevata ed estesa massa di informazioni  mediante una nuova dimensione di lavoro delle  memorie  a breve termine , tale abilita’  assume valore in attivita’ finalizzate alla esplorazione ed alla ricerca  della innovazione ,attuabile mediante un ampio confronto razionale delle informazioni e di attivita’ correlate a sistemi di condivisione di conoscenze nel World Wide WEB.

Pertanto una notevole opportunita’ dell’ apprendimento in rete e’ fortemente caratterizzata dalla capacita di produrre innovazione mediante esplorazione e condivisione di conoscenze; tale potenzialità emergente  della comunicazione ITC,  di fatto non si sovrappone alla  tradizionale metodologia di apprendimento implicante un forte impegno di memorizzazione a lungo termine delle conoscenze acquisite, ma in vero  necessita la rielaborazione di “mappe concettuali” capaci di creare un nuovo contesto mentale dell’ apprendere dalla dinamica di flusso della informazione anziche’ dal ricorso ad una memorizzazione ripetitiva delle conoscenze.

Una valida strategia per adeguare le mappe concettuali alla nuova dimensione dell’ apprendimento in rete , sviluppata da LRE/EGO-CreaNET, consiste nel ricercare le modalita’ critiche e creative capaci  di superare,  i limiti riduzionistici delle tradizionali concezioni meccanicistiche nella scienza e nelle scienze umane, che sono in gran misura responsabili dei limiti cognitivi  dell' apprendimento impostato con metodi pedagogici tradizionali; la metodologia di indagine sperimentata da EGO-CreaNet e’stata basata sulla esplorazione multidisciplinare del  WWW di tematiche affini .

In particolare la formazione via WEB - delle piu’ recenti conoscenze sul cervello tramite la Brain Imagin ha rappresentato un settore importante di tale  strategia di rinnovamento cognitivo delle mappe concettuali ,  proposta dalla ricerce ed innovazione educative di  LRE/EGO-CreaNET .

BiBLIO LINK

Limiti Cognitivi della Percezione :

http://www.neuroscienze.net/stampa.asp?cat=idart&arid=193

http://digilander.libero.it/ricercavisiva/CC/occhio%20mente%20e%20cervello.htm

Superamento dell’ angoscia collettiva : http://www.edscuola.it/archivio/lre/angoscia.html

La Scatola delle Esperienze: http://www.descrittiva.it/calip/dna/

Cervellandia: http://www.circolodidattico-grumonevano.it/

 

 

 

 

§        Il Net-learning favorisce la crescita del capitale umano e sociale ?

La tematica de "Lo sviluppo del capitale umano per la coesione sociale e la competitività nella società della conoscenza" si collega  direttamente all'obiettivo strategico stabilito dal Consiglio Europeo di Lisbona ( maggio 2000) per il decennio in corso.Tramite le sette priorita’ di sviluppo del Sesto Programma Quadro il Consiglio Europeo  si propone di  trasformare l'Unione in un'economia fondata sulla conoscenza, in grado di competere con le economie più avanzate del mondo e di realizzare una crescita sostenibile e una maggiore coesione sociale.

In particolare la Priorita’ 7 del  sesto Programma Quadro (2000-2006) della Comunita Europea pone al centro della Ricerca e Sviluppo della EUROPEAN RESEARCH AREA il capitale umano e sociale quale principale risorsa  di cui disponiamo per il progresso e lo sviluppo della futura ECONOMIA EUROPEA della CONOSCENZA .

Pertanto la valorizzazione del capitale umano inteso come l'insieme della conoscenze, capacità e competenze dei singoli individui componenti la società, determina benefici sotto il profilo della qualità della vita, dell'occupazione, della coesione sociale e della competitività sia  nel quadro Europeo che nell’ ambito di una dimensione trans-nazionale potra’ ottenere un notevole beneficio dallo sviluppo delle strategia di NET-Learning basate sulla condivisione di conoscenza e sul trasferimento di “Best Practices” della ricerca e sviluppo in Europa.

L’individuazione fattori che determinano crescita e valorizzazione del capitale umano si basano pertanto su  progettualita ‘ di NET-Learning e di net-economy  nell’ insieme capaci di  effettuare un potenziamento della intelligenza connettiva mediante un sistema di apprendimento permanente  inter-attivo e pro-attivo  finalizzato ad una  gestione condivisa della innovazione, tale da divenire capace di superare e sostituire la predominanza dei mass media nel settore della trasmissione unilaterale dell’informazione e delle conoscenze.

 

Biblico LINK : Sesto Programma Quadro :

 http://first.aster.it/dossier/dossier.asp?ID=1&LINKS=1

http://first.aster.it/dossier/dossier.asp?ID=1&SCAD=1

 



 

(&) -  S3.STUDIUM Srl
Corso Vittorio Emanuele II, 209 - 00186 Roma
Tel. +39 06 6880 9816 Fax +39 06 6821 3114
http://www.s3studium.it
info: formazione@s3studium.it <mailto:formazione@s3studium.it>


La pagina
- Educazione&Scuola©