Prima Pagina
Reg. Tribunale Lecce n. 662 del 01.07.1997
Direttore responsabile: Dario Cillo


 

OGM-ABSTRACT

Progetto Pilota Leonardo 2002/03 –(  I-02-PP-120211 ) Vedi : http://food-traceability.net/

Sintesi Finale -- Paolo Manzelli  LRE@UNIFI.IT Coordinatore Scientifico del Progetto.

 

 

L’ azione di Ricerca Progetto LEONARDO I-02-PP-120211 (2002-03) sul tema OGM & BIOPULLUTION CERTIFICATION di cui vengono sintetizzati i risultati , ha esplorato la necessita di giungere ad una strutturazione integrata tra formazione ed attivita’ produttive e di approvvigionamento e distribuzione nelle filiere alimentari  , favorendo in tal guisa  l’ apprendimento innovativo di un apparato concettuale capace di esprimersi sia a livello della creazione di nuovi profili professionali che di iniziative di  formazione permanente della Dirigenza delle PMI Agro Industriali e piu’ in generale dei cittadini  in Europa.

 L’ azione progettuale ha fatto estensiva utilizzazione della Rete Internet , sia per condividere tra i “partners” e gli “stakeholders” del progetto a livello trans-europeo, ile normative ed i modelli di tracciabilita’ basati  le migliori pratiche emergenti  , nel quadro di una azione complessivamente tesa alla innovazione di processo e di prodotto nell’ ambito della priorita’ Europea relativa alla  sicurezza e la salute alimentare dei cittadini.

 Certamente il compito assunto ha presentato la evidente difficoltà di non avere a disposizione ne' di   reperire facilmente processi  e prodotti consolidati sulla tracciabilita’ di filiera ed allo stesso tempo ha avuto la pressante urgenza di procedere rapidamente, proprio , in quanto nell’ ambito dello sviluppo del progetto Leonardo, la UE ha imposto la propria normativa sulla tracciabilita alimentare con scadenza a partire dal GENNAIO 2005. Pertanto l’ attenzione alla Progettazione OGM & BIO-pollution Certification , e stata assai pressante e cio' ha indubbiamente comportato l’ esigenza di ampliare e trasferire su richiesta moltissime informazioni e scientifiche e operative sulla tracciabilita e rintracciabilita dei cibi, che ha compreso anche la necessita di indicare ed indurre mutamenti cognitivi economici e tecnologico/applicativi di non semplice acquisizione ed immediato apprendimento, specie  a riguardo di tutta la problematica concernente gli Organismi Geneticamente Modificati dalle recenti bio-tecnologie ivi compresi  i rischi di inquinamento biologico/genetico  dei terreni e delle acque e  dell’ aria. 

 Di conseguenza il Progetto Leonardo OGM & BIO-Pollution Certification  ha dovuto “ampliare aggiungere in itinere” , molteplici  iniziative relative ai vari target groups individuati ( Scuole ed Universita’ di Agraria ed Agro Industriali, Imprese Piccole e Medie Agricole ed Industriali , Enti Governativi e Enti Regionali, e piu in generale Cittadini  dell’ Europa ), creando e distribuendo in una azione continua  ma di ampia divulgazione e diffusione , una grande messe di informazioni dati bibliografici e conoscenze scientifiche legali ed economiche , a volte  di difficile sintesi e semplificazione cognitiva , benche’ di ampia rilevanza formativa e di impatto sulla cittadinanza. vedi Bibliografia e migliori pratiche in


http://food-traceability.net/interno.php?sez=biblio&nr=1 ;

http://food-traceability.net/interno.php?sez=best&nr=1 

 

Tra le attivita’ emerse anche in funzione della sostenibilità futura del Progetto LEONARDO , possiamo annoverare  le seguenti:

 1) Compartecipazione dei Partner del Progetto OGM alla presentazione del PROGETTO TYPICAL FOOD QUALITY TRACEABILITY nell’ ambito del SESTO PROGRAMMA QUADRO

Tale compartecipazione ha permesso al progetto LEONARDO di attuare e sperimentare il Rafforzamento delle competenze per la aggregazione a livello associativo tra Universita’ ed Impresa ed Istituzioni Regionali a livello trans-Europeo nell’ ambito della internazionalizzazione di  specifiche filiere Agro –Alimentari  ( patate e derivati , latte e latticini , e carne ed insaccati) , favorendo in tal guisa una ampia condivisione di conoscenze scientifiche , tecnologiche , nel quadro delle diversita’ di produzione e sviluppo Agricolo ed Agro industriale in Europa.  Vedi: http://www.consorzioqualital.it/tfqt/

 2) Sviluppo di una Simulazione di  aggregazione di un CONSORZIO per la Tracciabilita’ Agro Alimentare , in area Mediterranea , quale Modello  di  acquisizione operativa della Normativa Europea nell’ ambito della Tracciabilita’ e certificazione di Prodotti tipici di Origine Vegetale nel Mediterraneo Vedi in : http://food-traceability.net/interno.php?sez=future

 Tale Simulazione e stata comprensiva della analisi delle relazioni di condivisione per la costruzione del  SOFTWARE basato sulle metodologie HACCP della <Tracciabilita e Rintracciabilita’>  ‘ di FRUTTA e VERDURA ( fresca e secca ed inscatola), dal “CAMPO alla TAVOLA” , dei metodi di Etichettatura delle derrate Alimentari  ivi compresi i Marchi di Denominazione di Origine Controllata dei prodotti e delle modalità di produzione garantiti a livello Trans-Nazionale, ed infine degli accordi per la “Governance Internazionale delle responsabilità nel quadro della tracciabilita’ inerenti a tutte le problematiche della sicurezza e salute alimentare.

 Molte altre iniziative sono andate al di la' degli obiettivi proposti, certamente senza eluderli, ma permanendo strettamente nella rispondenza degli obiettivi iniziali vedi in esteso PROJECT SYNTESES e gli altri documenti concordati con i partner in : http://food-traceability.net/interno.php?sez=prjsy; Implementation Plan : http://food-traceability.net/interno.php?sez=imppln&nr=1; ed in Final Report : http://food-traceability.net/docs/rapportofinale.pdf , valorizzandoli nell’ obiettivo di dare compiutamente risposta  alle esigenze di formazione e di impatto inerenti alla volonta’ di esplicitare gli obiettivi proposti dal progetto LEONARDO OGM & BIO-POLLUTION CERTIFICATION , tenendo pertanto in attenta ed ragionevole considerazione i bisogni ed alle richieste espresse dai target group identificati dal progetto , generando in tal modo una attiva e piu’ completa coerenza e pertinenza con le esigenze di innovazione , di dimensionalita’ Europea, e rilevanza socio-economica  internazionale della complessa tematica trattata. 

 Grande rilevanza per il successo della progettazione LEONARDO va data alla struttura organizzativa ed al metodo di lavoro collaborativo basato su una suddivisione operativa dei compiti ed al livello di gestione opportunamente condiviso costantemente in rete tra tutti i partner, che  e stato effettivamente utile per poter perseguire tutti gli obiettivi ed i prodotti programmati: tra essi la realizzazione di un Portale del Progetto e la organizzazione di tutte le attivita’ di rete tra i Partner e i numerosi Target Groups interessati a conoscere nonche’ ad interferire costruttivamente con le iniziative progettuali finalizzate alla promozione e diffusione delle normative Nazionali ed Europee sulla formazione di nuove professionalità  basate sulla progettazione di sistemi di <Tracciabilita’ e Rintracciabilità> nel settore agricolo ed alimentare.

 La Struttura Organizzativa e Gestionale del PROGETTO LEONARDO OGM&BIOPOLLUTION CERTIFICATION condivisa ed attuata sulla base el Memorandum of Understanting (MoU- vedi : http://food-traceability.net/interno.php?sez=memor ) e’ stata schematicamente la seguente  :

MATRICE DI CONVOLGIMENTO E RESPONSABILITA’ :

 

SETTORE GESTIONALE , DELLA COMUNICAZIONE 

---------------------------PIN (Prato- IT) Coordinatore del Progetto

-----LRE/EGOCREANET (Firenze- IT) Coordinamento Scientifico e attivita’ di Piloting in paesi diversi

-----MONDO (Bucharest-RO) Collaborazione nelle attivita’ di Rete e nella condivisione delle responsabilita’

 

SETTORE FORMAZIONE  ( Metodologie e Cognizioni Innovative integrabili nei Curricula scolastici e nella determinazione di nuovi Profili Professionali )

 

-----------------------------IST.AGR.DON BOSCO (Viadana -IT) – Coord. del settore

-----------------OTLEY COLLEGE (U.K.) Clustering con le attivita specifiche in U.K.

-------------KAUNA COLLEGE (LT)  Clustering con le attivita’ specifiche in LT e paesi limitrofi.

 

SETTORE FORMAZIONE PERMANENTE : metodologie di formazione basate sui rapporti Universita’ // PMI

 

--------------------------- Consorzio DIDASCO (Napoli- IT) Coord. del settore

--TEMPO (CZ) – Tecnologie di Formazione permanente e clustering con le attivita specifiche in CZ

-BIA (BG) -  Relazioni Internazionali e clustering tra Imprese Agro-alimentari ed Universita’ in BG

 

Il pieno coinvolgimento di tutti i partner nel processo decisionale e nelle problematiche della proprietà intellettuale e stato garantito mediante una intensa attivita del PIN – Coordinatore generale e del LRE/EGOCreaNET Coordinatore Scientifico del Progetto.

Tale Struttura Organizzativa e Gestionale ha permesso di sviluppare una attivita di indagine e ricerca bibliografica , sul settore della Tracciabilita’ e la Salute Alimentare , finalizzato a individuare le strategie di separabilità della produzione OGM dai tradizionali prodotti tipici , innanzitutto per garantire la trasparenza di ogni singola fase del processo produttivo , e della attestazione del luogo di origine dei prodotti e sulla certificazione ed etichettatura delle caratteristiche di qualita’ , tipicita e sicurezza dei processi e prodotti vendibili sul mercato.

Dato che per  <Traciabilita ‘ > s’intende sostanzialmente :  l’insieme organizzato di atti e procedure ed analisi dirette ad assicurare :a) la conoscenza del luogo di origine e  di tutte le procedure di elaborazione delle materie prima impiegate nella preparazione dei prodotti alimentari;   mentre per <Rintracciabilita’ > si intende  la possibilità di ricostruire la storia e seguire il percorso di un alimento, di un animale o di un mangime attraverso le fasi della produzione, raccolta, trasformazione, confezionamento e distribuzione.

Il sistema di <Tracciabilita e Rintracciabilità Alimentare > si basa sulla aggregazione trans-nazionale dal “Campo alla Tavola” alla produzione, raccolta della materia prima, trasformazione, distribuzione e commercializzazione ddi ciascun  prodotto agroalimentare

·         Essendo tale materia fortemente innovativa sia dal punto di vista dei contenuti che delle tecnologie e metodologie applicative che dal lato fondamentale di aggregazione collaborative della filiere Agro-alimentari , l’ indagine e dei sistemi e dei regolamenti e normative Europee e Nazionali di Tracciabilita’ e Rintracciabilita’ alimentare , ha fornito una ampia messe di cognizioni e dati dai quali sono stati analizzati i contenuti formativi multi-disciplinari ( legali, economici, scientifici, tecnologici, ambientali e culturali ) ,  che nel loro complesso comportano una rottura del paradigma epistemologico dominante e riguardo della tradizione dei contesti produttivi ed alimentari ; infatti la Tracciabilita e Rintracciabilita’ di ogni singola fase di produzione nelle  filiere alimentari, comporta attivita’ di collaborazione interattiva basata sulla  aggregazione multi-attoriale tra Scienze Agrarie e Bio-tecnologiche  ed imprese Agricola ed Agro- Industriale nonche’ di Enti Governativi Nazionali e Regionali , mediante la realizzazione di consorzi di  livello trans-nazionale , che precedentemente  non aveva una cosi ampia e pressante esigenza di nuova formazione , sia nel settore delle nuove professionalità che del rinnovamento del management industriale ed agricolo ed anche nel settore della Governance Pubblica al fine di ottimizzare la conoscenza e la produttività di tutti gli  operatori del settore facendo particolare attenzione al regolamento del <Principio di Precauzione> che regola l'intera materia della Tracciabilita e Rintracciabilita’ con riferimento agli alimenti ed ai mangimi geneticamente modificati contenuta nel Regolamento (CE) n. 1829/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio (GU L 268 del 18.10.03).

Pertanto datosi che i sistemi di <Tracciabilita’ e Rintracciabilità Alimentare > costituiscono di fatto un'ottima occasione per datre sviluppo alla futura Economia della Conoscenza in Europa, migliorando  i processi produttivi ed introducendo sistemi di rilevazione dati ed analisi degli stessi, sono stati analizzati e condivisi da tutti i partners i contenuti multi-disciplinari e le metodologie innovative individuate , ed essi hanno pertanto costituito la base cognitiva del Progetto OGM & BIO-POLLUTION CERTIFICATION necessaria per sviluppare e confrontare le due tipologie di formazione. A)  professionale ( piu’ correlabile alla ricerca e sviluppo del settore ) e B) permanente ( di tipo manageriale specie in favore del rinnovamento delle competenze della Piccola e Media Impresa) ; infine  la ampia divulgazione delle informazioni bibliografiche e di alcune loro sintesi per tematiche specifiche relative a particolari tipologie di filiera (  Carni , insaccati e derivati ; Latte e Latticini ; Ortaggi e Frutta ) e stata finalizzata a porre il consumatore Europeo nella condizione di compiere scelte consapevoli , sulla base di una maggior conoscenza della problematica relativa agli OGM ed ai possibili rischi di inquinamento bio-logico. Vedi come esempio di divulgazione che ha dato luogo in varie sedi a diversi seminari e workshops con docenti ,studenti e dirigenti di Impresa e delle amministrazioni Regionali (vedi: http://www.edscuola.it/archivio/lre/innovative_training.htm) , iniziative di diffusione del Progetto, che hanno fatto seguito alladisseminazione in tempo reale ed alla archiviazione in rete”,  di tutte le  informazioni e conoscenze specialistiche ivi compresi gli strumenti e metodi di  riconoscimento  degli OGM , nonche’ delle  migliori pratiche di tracciabilita’ e rintracciabilita’ individuate e catalogate per tematiche specifiche.

Il Progetto OGM & BIO-POLLUTION CERTIFICATION , in tal guisa e stato realmente un “laboratorio della innovazione delle politiche e della strategie educative in Europa” , che ha generato notevoli contributi basati su nuove linee di azione e di formazione basate sulla ampia utilizzazione comunicativa della rete internet nel settore di un contesto di utilizzazione della originale innovazione e sistematizzazione multi-disciplinare delle conoscenze scientifiche e tecnologiche, economiche e legali .

L ‘ organizzazione dei contenuti per migliorare ed integrare e valutare  ( vedi ad es: TEST sulla Tracciabilita’ e sulla sicurezza alimentare  in : http://www.edscuola.it/archivio/lre/tracciabilita.pdf; http://www.eat-online.net/italian/education/madcow.htm ) le strategie didattiche e di formazione  permanente adeguate a suggerire una Integrazione dei curriciula didattici nelle scuole , colleges e Universita’ , nonche’ una riabilitazione funzionale all’ utilizzazione delle tecnologie educative (e.learning) in relazione a nuove e rinnovate  opportunità lavorative, ed infine  la sintesi , la presentazione ed il packaging cartaceo della enorme messe di materiali  che va dall’ aggiornamento su temi “Scientifici” (quali la Genetica, la Proteomica ) , e Tecnologici , (quali l’ utilizzazione delle Bio-Tecnologie e dei Bio-Sensori per il  riconoscimento delle origini e della qualita’ alimentare ed inoltre  di quelli sviluppabili a riguardo dei Sistemi di Tracciabilita’ in rete ad es: Software per la trasferibilità dei dati e la etichettatura), ed infine delle strategie e le normative  di “Aggregazione Consortile”  per la condivisione di sistemi di <Tracciabilita e Rintracciabilità> di specifiche filiere alimentari , ha certamente reso necessario un tempo di  elaborazione ben maggiore del previsto , dilazionando comprensibilmente i tempi di consegna dei risultati finali .  Comunque la coerenza interna con gli obiettivi del progetto , la pertinenza con le esigenze olistiche ed analitiche della Programmazione Europea LEONARDO e la rilevanza  dell’ intero progetto verso il vasto gruppo di “target individuati” ( Scuole e Colleges ed Universita’ di Agraria, Piccole e Medie Imprese Agrarie ed Agro Industriali , nonche’ di Dirigenti di Settori Governativi e Regionali , ed di varie Associazioni di categoria  interessate al miglioramento la Qualità e la Salute del Cibo, ed al  sostegno alla Bio-diversita’ e delle Tradizioni Culinarie Regionali in Europa),  ed infine la realizzazione di attivita di “pilotaggio cognitivo” rivolta ai cittadini Europei anche di altri paesi non appartenenti al partenariato del Progetto , tutto cio fa si’ che certamente l’ integrazione di tale vasta prospettiva scientifica , culturale ed economica , proiettata sopra  entro sistemi di formazione ed educazione innovativa, ha dato una evidente indicazione della condivisibilita’ dei risultati sia in termini di innovativita’ e consapevolezza  del necessario cambiamento , nonche’ di trasferibilità trans-nazionale del Progetto  in contesti diversi e differenziati , che ne permettano la futura <auto-sostenibilita’>.

Ritardi e difficolta’  sulle applicazioni della a Tracciabilita’ degli OGM

Molteplici ritardi ed arretratezze di comprensione nel quadro cognitivo della salute e sicurezza alimentare incidono tutto’ oggi fortemente sulla problematica del rapporto tra alimentazione,  nuove professionalita’ , ed educazione permanente e quindi sulle condizioni ed opportunita’ del lavoro  di inserimento mirato e qualificato  degli operatori del settore.

In particolare abbiamo congiunta,mente sservato che la competizione , che ha la sua radice nella economia aziendale basata su una estrema azione concorrenziale  nel mercato,  va ad incidere inopportunamente come focus delle difficoltà riscontrate, che in fin dei conti vanno ad incidere sul deterioramento del sistema di produzione agro-alimentare, in quanto agiscono indirettamente nel rallentare ogni sviluppo co-operativo delle applicazioni di <Tracciabilita’ e Rintracciabilita’> , che viceversa sono ritenute e sostenute dalla comunita Europea come fattori estremamente necessari per la tutela e certificazione dei prodotti di qualità, di trasparenza dei sistemi di produzione, nonche’ della rispondenza alle normative Europee  a riguardo della sostenibilità ambientale, in favore della  bio-diversita’, e di un mercato piu’ orientato dalla qualita ‘ della produzione anziche’ alla quantita’ dei prodotti.

Nell’ ambito della Progettazione OGM & BIO-POLLUTION CERTIFICATION , pertanto e’ stato necessario capire tali difficolta’ e ritardi , agendo con attivita di mediazione tra differenti politiche scientifiche e culturali nazionali,  specie a riguardo delle produzioni e della vendita degli OGM , cercando in tal guisa di prendere in attenta e debita considerazione la necessita di “ Co-esistenza”, secondo i dettami della  Normativa Europea, possibili tra produzioni BIO-Tecnologiche e Organiche tradizionali, valutandone il rapporto costi benefici, e le possibilita’ future di miglioramento .

  • Una tale impostazione  ha permesso il successo di relatori e di pubblico delle iniziative di diffusione del Progetto OGM & BIO POLLUTION CERTIFICATION , ed in particolare di tutti e  quattro Convegni Internazionali che hanno preceduto le Riunioni di partenariato ,  che sono stati co-organizzati dal Coordinamento Scientifico e dal PIN , con i vari partners:  1)  Prato - c/o PIN – Università Firenze (31/GENN/2003), Paestum (Napoli) co-organizzato da Didasco (28/29 Aprile- 2003) ; Bucharest (Ro) – (11-12 Sett.2003) Co-organizzato da MONDO (Ro) ; e a Sophia (Bulgaria ) Co-organizzato con ampia compartecipazione di tutto il Partenariato (9/10 FEB-2004) , in lieve ritardo sulla “time-table delle iniziative” , richiesto ed approvato dal Responsabile Nazionale (IT) del Programma dell'Unione europea "Leonardo da Vinci" (Seconda fase - 2000/2006), cio’ al fine di permettere un ampio confronto sulla acquisizione di capacità di programmazione didattica multi-disciplinaree multi-attoriale e la verifica della validità della offerta formativa prodotta dal Progetto OGM-& BIO-POLLUTION CERTIFICATION nell’ ambito delle diverse caratteristiche delle istituzioni scolastiche e delle differenti condizioni e prospettive di lavoro dei paesi del partenariato e piu’ in generale per il confronto alle progettazioni Leonardo su tematiche similari realizzate a  livello Europeo.


MATRICE DEI PRODOTTI REALIZZATI .

Il rapporto Prodotto//Risultati, pur nelle evidenti difficoltà che hanno inciso nelle stesse applicazioni della normativa Europea sulla Tracciabilita e Rintracciabilita di  Filiera degli alimenti e sulla piena applicazione delle Normative Europee focalizzate sul <Principio di Precauzione>  e dei suoi aggiornamenti  riguardanti le Modalita di Condivisione tra Cibi Tipici e OGM e loro derivati ( Problematica della Co-Esistenza) ,  e stato coerente e pertinente con il Working Plan Proposto ed accettato ; ( vedi in : http://food-traceability.net/interno.php?sez=wrkpl ) ; pertanto , pur nel evidente ritardo nella consegna del rapporto finale, la completa matrice dei Prodotti Realizzati , e da  considerarsi per sperimentata ampia utilizzazione acquisita e diffusa, una realizzazione innovativa di ampia e fattiva rilevanza , trans-nazionalita’ , e trasferibilita’ in Europa ed a livello trans.nazionale anche al di la’ degli attuali confini dell’ Europa. 

PAOLO  MANZELLI

Director of LRE/EGO-CreaNet – University of Florence

DIPARTIMENTO DI CHIMICA , POLO SCIENTIFICO 50019 -SESTO F.no- 

50019 Firenze- Via Della Lastruccia 3 -room: 334: Phone: +39/055-4573135 Fax: +39/055-4573077

Mobile: +39/335-6760004

E-mail: LRE@UNIFI.IT ; manzelli@invisibilmente.it;manzelli@egocrea.net

http://www.egocrea.net/

http://www.egocreanet.it/Postnuke/html/ 

http://blu.chim.unifi.it/group/education/index.html

http://www.edscuola.it/lre.html 

 

 


La pagina
- Educazione&Scuola©