Prima Pagina
Reg. Tribunale Lecce n. 662 del 01.07.1997
Direttore responsabile: Dario Cillo

Ricerca

 

Educazione&Scuola© - Newsletter n. 812


Su Educazione&Scuola

http://www.edscuola.com
http://www.edscuola.it

Mappa Educazione&Scuola

http://www.edscuola.it/help.html

LILILILILILILILILILILILILILILILI

Cari amici,

mese da record per Educazione&Scuola: quasi 170 mila visitatori in un giorno (2,5 milioni nel mese)!!!
Le statistiche aggiornate sono, come sempre, all'URL: http://www.edscuola.it/estat.html 

Un grazie sincero a tutti voi
dario cillo


LILILILILILILILILILILILILILILILI


            - Le Rubriche -
 (http://www.edscuola.it/rubriche.html)

in Scuole e Territorio


- Bacheca della Didattica
http://www.edscuola.it/ped.html


- Concorsi@edscuola.com a cura di Pino Santoro
 La rubrica aperta su Concorsi e Precariato
 http://www.edscuola.it/concorsi.html

. Nuove FAQ
 http://www.edscuola.it/archivio/concorsi/confaq.html

. Dibattito sulle Graduatorie Permanenti
 http://www.edscuola.it/graduatorie.html


- Didattica@edscuola.com a cura di Umberto Tenuta
 La rubrica aperta sulla Metodologia e la Didattica
 http://www.edscuola.it/dida.html

. Nuove FAQ
 http://www.edscuola.it/archivio/didattica/didafaq.html

. Forum: Genitori e Didattica
 http://www.edscuola.it/forumfam.html


- Handicap a cura di Rolando Alberto Borzetti
 La rubrica aperta su Handicap e Scuola
 http://www.edscuola.it/archivio/handicap/

. La legge di riforma dei Servizi Sociali
a cura di Salvatore Nocera

. Deliberazione Area Terzo Settore

. Cos'è l'Autismo, in poche parole... di Giuseppe

. Mailing List Sociale
 http://www.edscuola.it/mlsociale.html

. FAQ


- Mobiltà@edscuola.com a cura di Pino Santoro
 La rubrica aperta sui Trasferimenti e Mobilita'
 http://www.edscuola.it/mobilita.html

. Nuove FAQ
 http://www.edscuola.it/archivio/mobilita/mobfaq.html


- Statistiche a cura di Sergio Casiraghi e Vincenzo D'Aprile
 Dati e Statistiche su Scuola e dintorni
 http://www.edscuola.it/statistiche.html

. Sondaggio:
 http://www.edscuola.it/archivio/statistiche/sondaggio.html


LILILILILILILILILILILILILILILILI

                          SCUOLANEWS
              (http://www.edscuola.it/news.html)

 

- Gazzette Ufficiali - Serie Generale - Anno 2001
 http://www.edscuola.it/gu.html

Gazzetta Ufficiale n. 28 del 2-2-2002
Gazzetta Ufficiale n. 27 del 1-2-2002


- Rassegna Stampa
 http://www.edscuola.it/stampa.html

SE CINQUE ANNI VI SEMBRAN POCHI
Riforma, gli esami cominciano adesso
BERTAGNA: ASPETTIAMO DI VEDERE I PROGRAMMI
Errani: un disastro, è un altro passo indietro
Ghigo: bene, i finanziamenti sono garantiti La maturità padana? Soltanto esagerazioni
Lo psicologo: sbagliato insegnare troppo presto la lingua straniera
Scuola, la riforma realizzata in due anni
Tutti a scuola per 12 anni, ci sarà un’anagrafe
Le novità
De Mauro: non è una riforma, ma una fotocopia
Progetto «Quotidiano in classe» Cento docenti a confronto
SCUOLA: COFFERATI BOCCIA RIFORMA MORATTI
Con la globalizzazione l'Occidente è cresciuto meno
Pareri sulla Riforma
Tremonti scrive a Moratti "Ricordati che devi tagliare"
Starnone: "Peggio non si poteva così si ritorna agli anni Cinquanta"
E l'opposizione annuncia battaglia
MODERNI, NON AZIENDALISTI
Berlusconi: "Competizione tra pubblica e privata"
Cgil contraria
Previsti due percorsi dopo le medie Studio oppure formazione lavoro
Al via la riforma
Gli insegnanti della Gilda: i premi? Un errore, lo stesso di Berlinguer
LINGUA STRANIERA DALLE ELEMENTARI
I genitori cattolici: questa legge ci piace ma vorremmo più spazio per la famiglia
VALUTAZIONE OGNI DUE ANNI
IL RITORNO DEL VOTO IN CONDOTTA
LA «CARRIERA» DEI DOCENTI
IN CLASSE PRIMA DEI 6 ANNI
Nel ’23 la legge di Gentile in 146 articoli
Storace: in classe lezioni contro droga e aborto
Galan: si studierà anche l’assalto dei Serenissimi
Dopo le tensioni il premier chiede l’applauso per Letizia
Una riforma storica, dettata dal buon senso
Cambia la scuola: in classe a cinque anni e mezzo
Scuola, ecco la riforma Moratti
De Agostini e Paravia-Motta: corsa a due per il controllo della Utet
SCUOLA: GOVERNO VARA RIFORMA, CRITICHE DALL'ULIVO
Giornale di Emergency 30 Gennaio 2002
Molto rumore per nulla
Ecco i punti chiave della riforma
Baby sitter straniere? Asilo anticipato
Internazionale - 1 febbraio 2002
Dal Consiglio dei ministri ok alla riforma della scuola
SCUOLA: DOCUMENTO CONCLUSIVO GIORNATA DI DISCUSSIONE ANCI - UPI
Scuola, via libera alla riforma Moratti
Scuola, al via i programmi regionali
Nozze Hp-Compaq, il sì di Bruxelles
PAPA A UNIVERSITA' ROMA 3: PROTESTA DEGLI STUDENTI
InformaEdAsuperiore


- Forum e News: Sindacati
 http://www.edscuola.it/sindacati.html

CGIL: Comunicato Stampa 2 febbraio 2002
COBAS: Comunicato Stampa 1 febbraio 2002
GILDA: Comunicato Stampa 1 febbario 2001
CGIL: Comunicato Stampa 1 febbraio 2002
CISL: Comunicato Stampa 1 febbraio 2002
GILDA: Comunicato Stampa 31 gennaio 2002
SNALS: Comunicato Stampa 1 Febbraio 2002
APEF - DIESSE: Seminario Nazionale 8 marzo 2002
MIUR: Nota 30 gennaio 2002
MIUR: Nota 30 gennaio 2002
UNICOBAS: Comunicato Stampa 1 febbraio 2002
UIL: Comunicato 1 febbraio 2002
CISL: Dichiarazione 31 gennaio 2002
SNALS: Comunicato Stampa 30 gennaio 2002
PPI: Comunicato Stampa 1 febbraio 2002


- Forum - Autonomia
 http://www.edscuola.it/foraut.html


- Cronologia
 http://www.edscuola.it/crono.html

14 - 21 febbraio Mobilità 2002 - 2003

L'OM 3/02 fissa il termine ultimo per la presentazione delle domande di mobilità al 14 febbraio per il personale docente ed educativo ed al 21 febbraio per il personale A.T.A.; di seguito il calendario relativo ai termini di acquisizione dei dati ed alla diffusione dei risultati:

Tipo di personale Termine acquisizione
domande
Diffusione risultati
Docenti Materne 27 marzo 17 aprile
Docenti Elementari 9 marzo 29 marzo
Docenti I grado 2 maggio 23 maggio
Docenti Il grado 9 aprile 30 aprile
Personale Educativo 2 aprile 22 aprile
Personale A.T.A. 6 maggio 27 maggio

Il termine ultimo per la presentazione della richiesta di revoca delle domande è fissato a dieci giorni prima del termine ultimo per la comunicazione al CED o all’ufficio dei posti disponibili.

Sul tema si veda la rubrica di Educazione&Scuola:

In Mobilità, Utilizzazioni e Assegnazioni Provvisorie

06 febbraio Attività Sindacale

Proseguono gli incontri di ARAN e MIUR con le OOSS della Scuola su:

  • 06: conferimento incarichi di presidenza per l'anno scolastico 2002/2003

Nel settore Archivio di Educazione&Scuola:

01 febbraio Riforma

Il Consiglio dei Ministri l'1 febbraio 2002 "(...) approva in prima lettura un disegno di legge che, in coerenza con i principi della Costituzione, ridisegna il sistema educativo nazionale dell’istruzione e della formazione professionale, definendo le norme generali sull’istruzione e i livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e di formazione professionale."

Di seguito il comunicato del MIUR:

(Roma 1 febbraio 2002) Il Consiglio dei Ministri ha esaminato in via preliminare il testo della proposta di riforma degli ordinamenti scolastici. In esso sono ben individuabili i valori che ispirano la riforma e nei quali questo Governo si riconosce: libertà di scelta educativa della famiglia, formazione spirituale e morale, sviluppo della coscienza storica e di appartenenza alla comunità locale e nazionale ed alla civiltà europea.
Rispetto alle finalità indicate dalla legge 30 per i vari ordini di scuola, è stata data importanza ad alcuni aspetti educativi che non erano in essa compresi: per esempio, nella scuola dell'infanzia, lo sviluppo psico-motorio e le potenzialità di relazione; nel primo ciclo la valorizzazione della tradizione culturale insieme all'evoluzione sociale culturale e scientifica della realtà contemporanea; nel secondo ciclo l'attenzione costante alla crescita educativa, culturale e professionale dei giovani attraverso il sapere, il fare e l'agire e la riflessione critica su di essi in qualsiasi percorso superiore di pari dignità culturale, sia esso di istruzione o di formazione.
La riforma punta a costruire una scuola più moderna attraverso il potenziamento dell'alfabetizzazione nelle tecnologie informatiche ed anche una scuola più europea con lo studio obbligatorio di una lingua comunitaria fin dai sei anni e di una seconda lingua comunitaria dall'età di 11 anni (scuola secondaria di primo grado).
Con questa riforma le famiglie possono scegliere: bambini alla scuola dell'infanzia anche prima dei tre anni e a scuola anche prima dei sei.
Abbiamo innalzato ad almeno 12 anni complessivi il diritto-dovere all'istruzione e alla formazione.
Prevediamo una nuova articolazione degli studi e della formazione che sia rispettosa delle età evolutive e della migliore tradizione scolastica italiana: scuola dell'infanzia, primo ciclo (scuola primaria di 5 anni e scuola secondaria di primo grado di 3 anni) con esame di Stato alla fine del ciclo, secondo ciclo (sistema dei licei ed il sistema dell'istruzione e della formazione professionale) ed esame di Stato.
Al compimento del quindicesimo anno, all'apprendistato si aggiunge la possibilità di stage in realtà sociali, culturali e del mondo produttivo (alternanza scuola-lavoro), sotto la responsabilità delle istituzioni scolastiche e formative, in enti pubblici e privati, non profit e imprese.
Per tutto il percorso di istruzione e formazione è sempre aperto e assistito dalle istituzioni scolastiche il passaggio tra i licei e tra il sistema dei licei e il sistema dell'istruzione e della formazione professionale.
Il liceo sarà sempre di cinque anni; nell'ultimo anno saranno anche favorite attività di orientamento e raccordo con l'università e la formazione tecnica superiore. Sono confermati gli assi culturali tradizionali: classico, scientifico, artistico. Nascono nuovi licei: economico, tecnologico, musicale, linguistico, delle scienze umane.
E' garantito l'accesso all'università anche per chi effettua corsi professionali di durata almeno quadriennale, con un ulteriore anno di studio e l'esame di Stato.
Abbiamo previsto profili educativi, culturali e professionali della formazione valevoli su tutto il territorio nazionale se rispondenti ai livelli essenziali di prestazione definiti dallo Stato.
La riforma prevede che i piani di studio contengano un nucleo fondamentale, omogeneo su base nazionale, che rispecchi la cultura, le tradizioni e l'identità nazionale, e prevedano una quota riservata alle Regioni relativa agli aspetti di interesse specifico delle stesse, anche collegata con le realtà locali.
Abbiamo voluto assicurare più rigore nella valutazione sia degli apprendimenti sia del comportamento. E' confermata la valutazione periodica e annuale, effettuata dai docenti. Viene introdotta ogni due anni la valutazione dei periodi didattici. Si è promossi o respinti ogni due anni ai fini del passaggio al periodo successivo.
Più qualità: ogni due anni l'Istituto nazionale di valutazione, come in tutti i Paesi europei, misurerà con verifiche nazionali la qualità complessiva dell'offerta formativa e dei livelli degli apprendimenti per monitorare il livello culturale degli studenti.
Investimento sulla qualità della funzione docente: formazione iniziale universitaria della stessa dignità per gli insegnanti di tutti gli ordini di scuole con lauree specialistiche e tirocinio obbligatorio.
Formazione in servizio dei docenti con crediti universitari ai fini dello sviluppo della carriera.
Per la realizzazione delle finalità della riforma, entro 90 giorni dall'entrata in vigore della legge il Ministro predisporrà un piano programmatico di interventi finanziari da sottoporre all'approvazione del Consiglio dei Ministri, a sostegno:
a. della riforma degli ordinamenti e degli interventi connessi con la loro attuazione e con lo sviluppo dell'autonomia; 
b. dell'istituzione del Servizio nazionale di valutazione del sistema scolastico; 
c. dello sviluppo delle tecnologie multimediali e della alfabetizzazione nelle tecnologie informatiche; 
d. della valorizzazione professionale del personale docente; 
e. delle iniziative di formazione iniziale e continua del personale; 
f. del rimborso delle spese di autoaggiornamento sostenute dai docenti; 
g. della valorizzazione professionale del personale amministrativo, tecnico ed ausiliario (A.T.A.); 
h. degli interventi di orientamento contro la dispersione scolastica e per assicurare la realizzazione del diritto - dovere di istruzione e formazione; 
i. degli interventi per lo sviluppo della istruzione e formazione tecnica superiore e per l'educazione degli adulti; 
j. degli interventi di adeguamento delle strutture di edilizia scolastica.

In Educazione&Scuola:

Nel settore Archivio di Educazione&Scuola:


- Scuola Parlamento Governo
 http://www.edscuola.it/archivio/parlamento/

. 05 - 07 febbraio Parlamento

Camera 

Commissioni
7a 5 Interrogazioni a risposta immediata
7a 5, 6, 7 in sede referente, DdL Organi Collegiali della Scuola
7a 7 DdL AC. 1315, Equipollenza tra diploma in educazione fisica e laurea in scienze motorie e sportive

Senato

Commissioni
7a 5, 6, 7 Comunicazioni del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca sugli esiti degli stati generali della scuola
7a 5, 6, 7 in sede deliberante, DdL 1028, Norme in materia di docenti di scuole straniere operanti in Italia
7a 5, 6, 7 in sede consultiva, Schema di decreto ministeriale concernente ripartizione delle somme iscritte nello stato di previsione del Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca relative a contributi ad enti, istituti, associazioni, fondazioni ed altri organismi per l'esercizio finanziario 2002
7a 5, 6, 7 in sede consultiva, Schema di decreto del Presidente della Repubblica recante regolamento di organizzazione degli uffici di diretta collaborazione del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca

 

. 01 febbraio Governo

Il Consiglio dei Ministri si è riunito alle ore 9,55 a Palazzo Chigi

Il Ministro Maroni ha svolto un’ampia relazione sullo stato delle relazioni sindacali e sull’andamento degli scioperi, nonché sui contatti in materia di pensioni.
Il Ministro Frattini dal canto suo, insieme al Vice Presidente Fini, ha riferito sull’andamento della fase di confronto con le organizzazioni sindacali che hanno proclamato per il 15 febbraio lo sciopero generale del pubblico impiego. Su sua proposta, è stato autorizzato a sottoscrivere un protocollo (con contenuti di proposte normative e di emendamenti sui limiti della legge rispetto alla contrattazione) in sede di tavolo permanente di confronto Governo-OO.SS. in materia di riordino organizzativo delle amministrazioni e del sistema pensionistico. Frattini ha inoltre rappresentato al Consiglio dei Ministri l’opportunità di valutare una maggiore disponibilità di risorse finanziarie per i contratti, attraverso la piena applicazione dell’accordo del luglio 1993, ma anche tramite una particolare valutazione delle risorse destinate al miglioramente dell’efficienza delle amministrazioni e degli enti pubblici.
Con riferimento al problema delle navi clandestine che trasportano extra comunitari, il Consiglio, dopo un articolato e ampio dibattito introdotto dal Ministro Bossi, ha deciso - su proposta dei Ministri Scajola e Martino – di presentare un apposito emendamento al disegno di legge sull’immigrazione (vedi allegato) per rafforzare l’azione di contrasto in mare aperto dell’immigrazione clandestina e potenziare il concorso della Marina militare nella prevenzione e contenimento del grave fenomeno.
Previa relazione del Ministro dell’Istruzione, Moratti, il Consiglio ha approvato in prima lettura un disegno di legge che, in coerenza con i principi della Costituzione, ridisegna il sistema educativo nazionale dell’istruzione e della formazione professionale, definendo le norme generali sull’istruzione e i livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e di formazione professionale.
Il disegno di legge modifica significativamente la legge n.30 del 2000 sui cicli scolastici, prevedendo, in particolare, nel rispetto delle competenze attribuite allo Stato e alle Regioni e dell’autonomia delle istituzioni scolastiche:
- l’articolazione del sistema educativo in: scuola dell’infanzia; primo ciclo, che comprende la scuola primaria di durata quinquennale e la scuola secondaria di secondo grado di durata triennale; secondo ciclo, che comprende i licei, di durata quinquennale, e i percorsi dell’istruzione e formazione professionale, la cui durata dovrà essere definita dalle Regioni;
- l’innalzamento del diritto-dovere di istruzione e di formazione a dodici anni complessivi, ovvero al conseguimento di una qualifica professionale;
- la flessibilità nell’iscrizione alla prima classe della scuola dell’infanzia o alla scuola primaria, consentita anche ai bambini che compiono i tre anni di età, ovvero i sei, entro il 30 aprile dell’anno scolastico;
- la flessibilità complessiva dell’intero sistema educativo, attuata attraverso modalità e garanzie per assicurare i passaggi in ogni momento tra il sistema dell’istruzione e quello della formazione professionale.
Il provvedimento sarà trasmesso al parere della Conferenza unificata.
Il Consiglio ha poi approvato i seguenti provvedimenti: (...)
su proposta del Presidente Berlusconi e dei Ministri Sirchia e Moratti:
- un decreto-legge che provvede a:
- prorogare al 31 agosto 2002 i contratti di lavoro a tempo definito dei medici;
- differire fino al 31 dicembre 2002 le attuali modalità negoziali per la determinazione del prezzo dei farmaci registrati con la procedura di mutuo riconoscimento;
- integrare il numero dei componenti della Commissione nazionale per la formazione continua (a seguito del recente accordo con le Regioni) per consentire l’immediata operatività del predetto Organismo, nella sua nuova composizione;
- prorogare gli organi centrali, regionali e provinciali dell’Associazione italiana della Croce Rossa fino all’approvazione del nuovo Statuto e, comunque, non oltre il 30 giugno 2002;
- prorogare il termine (trenta mesi anziché diciotto) entro cui gli Atenei devono adeguare gli ordinamenti didattici dei rispettivi corsi di studio alla riforma introdotta dalla legge 127 del 1997, nonché la durata in carica (fino al 31 ottobre 2002) dei componenti del Consiglio universitario nazionale. Viene inoltre stabilito (in attuazione di uno specifico ordine del giorno del Senato) che spetta all’autonomia statutaria delle Università la determinazione dell’elettorato attivo ai fini dell’accesso alle cariche ed agli organi accademici, nonché la composizione degli organi collegiali; (...)
La seduta ha avuto termine alle ore 13,35.

 


LILILILILILILILILILILILILILILILI


                          Nel settore ARCHIVIO
              (http://www.edscuola.it/archivio/index.html)

 

- Concorsi, Classi Concorso, Ambiti Disciplinari
 http://www.edscuola.it/archivio/3.html

- Studenti
 http://www.edscuola.it/archivio/archivio26.html

- Circolari, Comunicazioni, Lettere, Telex
 http://www.edscuola.it/archivio/archivio4.html

 

- Riforma del sistema scolastico
 http://www.edscuola.it/archivio/archivio13.html

- Leggi
 http://www.edscuola.it/archivio/archivio7.html


LILILILILILILILILILILILILILILILI


- Le NEWS di E&S nella tua pagina WEB:
 http://www.edscuola.it/archivio/esnewsweb.html


LILILILILILILILILILILILILILILILI


- Il dibattito in rete con E&S:

. E&S Chat
 http://www.edscuola.it/eschat.html

. E&S Forum
 http://www.edscuola.it/esforum.html


LILILILILILILILILILILILILILILILI


- Casella Email Gratuita con E&S:
 http://edscuola.zzn.com/
 http://edscuola.mail.everyone.net/


LILILILILILILILILILILILILILILILI

Queste notizie sono diffuse tramite

- la Mailing List di E&S:
 http://www.edscuola.it/mailing.html

- la Newsletter di E&S:
 http://www.edscuola.it/newsletter.html


LILILILILILILILILILILILILILILILILILILILILILILI
          ______
____________( _ )  ________
___  ____/_  __ \/|__  ___/
__  __/   / /_/  < _____ \
_  /___   \____/\/ ____/ /
/_____/            /____/
http://www.edscuola.com/
http://www.edscuola.it/
mailto:edscuola@edscuola.com

***********Educazione&Scuola©**********
Reg.Trib.Lecce n.662 del 01.07.1997
Direttore Responsabile Dario Cillo

LILILILILILILILILILILILILILILILILILILILILILILI


La pagina
- Educazione&Scuola©