Ordinanza Ministeriale 18 novembre 1989, n. 395

Nuova indizione della sessione riservata di esami di abilitazione all'insegnamento nelle scuole ed istituti di istruzione secondaria di secondo grado ed artistica

Art. 1.- Nuova indizione della sessione riservata di esami per il conseguimento dell'abilitazione all'insegnamento nelle scuole ed istituti di istruzione secondaria di secondo grado ed artistica - 1. E' indetta, in applicazione dell'art. 11, comma 3, del D.L. 6 novembre 1989, n. 357, una sessione riservata di esami per il conseguimento dell'abilitazione all'insegnamento nelle scuole ed istituti di istruzione secondaria di secondo grado ivi compresi i licei artistici e gli istituti d'arte.

2. La sessione riservata di cui al precedente comma, verterÓ sulle classi di abilitazione di seguito elencate, quali risultano dal D.M. 3 settembre 1982, e successive modificazioni ed integrazioni:

Cl. I - Aerotecnica e costruzioni aeronautiche

Cl. II - Arte del disegno animato

Cl. III - Arte del tessuto

Cl. IV - Arte del vetro

Cl. V - Arte della ceramica

Cl. VI - Arte della fotografia

Cl. VII - Arte della grafica pubblicitaria

Cl. VIII - Arte della scenotecnica

Cl. IX - Arte mineraria

Cl. X - Arte dei metalli e dell'oreficeria

Cl. XI - Arti della grafica e della incisione

Cl. XII - Arti della moda e del costume

Cl. XIII - Arti della rilegatoria e del restauro del libro

Cl. XIV - Arti della stampa

Cl. XV - Chimica

Cl. XVI - Chimica agraria

Cl. XVII - Chimica industriale

Cl. XVIII - Circolazione aerea e telecomunicazioni aeronautiche

Cl. XIX - Costruzioni navali e teoria della nave

Cl. XX - Costruzioni, tecnologia delle costruzioni e disegno tecnico

Cl. XXII - Dattilografia, tecniche della duplicazione, calcolo a macchina e contabilitÓ a macchina

Cl. XXIII - Discipline e tecniche commerciali e aziendali

Cl. XXIV - Discipline geometriche, architettoniche e arredamento

Cl. XXV - Discipline giuridiche ed economiche

Cl. XXVI - Discipline pittoriche

Cl. XXVII - Discipline plastiche

Cl. XXVIII - Disegno tecnico

Cl. XXIX - Disegno tecnico ed artistico

Cl. XXX - Disegno e modellazione odontotecnica

Cl. XXXI - Disegno e stile dei caratteri

Cl. XXXII - Disegno e storia dell'arte

Cl. XXXIII - Economia delle comunitÓ

Cl. XXXV - Educazione fisica negli istituti e scuole di istruzione secondaria di secondo grado

Cl. XXXVII - Educazione musicale negli istituti di istruzione secondaria di secondo grado

Cl. XL - Elettronica

Cl. XLI - Elettrotecnica

Cl. XLII - Filosofia e scienze dell'educazione

Cl. XLIII - Filosofia scienze dell'educazione e storia

Cl. XLIV - Fisica

Cl. XLV - Fisica, impianti nucleari e tecnologie relative

Cl. XLVI - Geografia

Cl. XLVII - Igiene, anatomia, fisiologia, patologia

Cl. XLVIII - Igiene, anatomia, fisiologia, patologia dell'apparato masticatorio

Cl. XLIX - igiene, anatomia, fisiologia, patologia e tecnica radiologica

Cl. L - Igiene, anatomia, fisiologia, patologia e tecnologia oculistica

Cl. LI - Igiene mentale e psichiatria infantile

Cl. LII - Impianti elettrici e costruzioni elettromeccaniche

Cl. LIII - Informatica gestionale

Cl. LIV - Informatica industriale

Cl. LXI - Linguaggio per la cinematografia e la televisione

Cl. LXII - Lingue e civiltÓ straniere: albanese

Cl. LXII - Lingue e civiltÓ straniere: francese

Cl. LXII - Lingue e civiltÓ straniere: inglese

Cl. LXII - Lingue e civiltÓ straniere: russo

Cl. LXII - Lingue e civiltÓ straniere: sloveno

Cl. LXII - Lingue e civiltÓ straniere: spagnolo

Cl. LXII - Lingue e civiltÓ straniere: tedesco

Cl. LXIII - Matematica

Cl. LXIV - Matematica applicata

Cl. LXV - Matematica e fisica

Cl. LXVI - Materie letterarie negli istituti di istruzione secondaria di secondo grado

Cl. LXIX - Materie letterarie e latino nei licei e negli istituti magistrali

Cl. LXXII - Materie letterarie, latino e greco nel liceo classico

Cl. LXXV - Meccanica, macchine e disegno

Cl. LXXVI - Meccanica, macchine, termotecnica, impianti termotecnici e disegno

Cl. LXXVII - Merceologia grafica, tecnologia, impianti grafici e disegno

Cl. LXXVIII - Mineralogia e geologia

Cl. LXXIX - Modellistica industriale e tecnologia della confezione industriale

Cl. LXXX - Navigazione aerea e meteorologia aeronautica

Cl. LXXXI - Navigazione, arte navale ed elementi di costruzioni navali

Cl. LXXXII - Psicologia sociale e pubbliche relazioni

Cl. LXXXIII - Scienza dell'alimentazione

Cl. LXXXIV - Scienze agrarie e tecniche di gestione aziendale

Cl. LXXXVI - Scienze naturali, chimica e geografia

Cl. LXXXVII - Scienze naturali, fitopatologia, entomologia agraria, microbiologia

Cl. LXXXIX - Stenografia

Cl. XCII - Storia dell'arte

Cl. XCIII - Tecnica della registrazione del suono

Cl. XCIV - Tecnica della ripresa cinematografica e televisiva

Cl. XCV - Tecnica e organizzazione della produzione cinematografica e televisiva

Cl. XCVI - Tecnica fotografica

Cl. XCVII - Tecniche turistiche e alberghiere

Cl. XCVIII - Tecnologia ceramica

Cl. XCIX - Tecnologia delle arti applicate

Cl. C - Tecnologia fotografica, cinematografica e televisiva

Cl. CI - Tecnologia, impianti e disegno per le industrie alimentari e cerealicole

Cl. CII - Tecnologia meccanica

Cl. CIII - Tecnologia meccanica dell'orologeria

Cl. CIV - Tecnologia meccanica, impianti di materie plastiche e disegno

Cl. CV - Tecnologia meccanica, impianti industriali e disegno

Cl. CVI - Tecnologia meccanica, impianti metallurgici e disegno

Cl. CVII - Tecnologia odontotecnica

Cl. CVIII - Tecnologia per le arti grafiche e della stampa

Cl. CIX - Tecnologia radiologica

Cl. CX - Tecnologia tessile e maglieria

Cl. CXI - Tedesco (seconda lingua) negli istituti di istruzione secondaria di secondo grado in lingua italiana della provincia di Bolzano

Cl. CXIV - Topografia e disegno topografico, costruzioni rurali, meccanica agraria e relative esercitazioni

Cl. CXVI - Zootecnica e scienza della produzione animale

Cl. CXVII - Stenografia e dattilografia

3. Per le scuole e gli istituti d'istruzione di secondo grado ed artistica in lingua italiana della provincia di Bolzano restano ferme le vigenti disposizioni speciali contenute in leggi statali e nello statuto speciale per il Trentino-Alto Adige e relative norme di attuazione.

Art. 2.- Sedi di svolgimento della sessione riservata di esami di abilitazione all'insegnamento - 1. Gli esami della sessione riservata di abilitazione all'insegnamento di cui al precedente art. 1 si svolgono in sede regionale, con procedure curate dai sovrintendenti scolastici regionali o interregionali, che si avvalgono della collaborazione dei provveditori agli studi; tale collaborazione riguarderÓ, in particolare, l'effettuazione delle prove scritte e delle prove orali in sedi diverse da quella della sovrintendenza scolastica. Per le province di Trento e Bolzano dette procedure sono curate, rispettivamente, dal provveditore agli studi di Trento e dal sovrintendente scolastico per la provincia di Bolzano, per le scuole e gli istituti di istruzione secondaria di secondo grado ed artistica in lingua italiana.

2. La sessione riservata per la classe CXI si svolge soltanto in provincia di Bolzano e le relative prove scritte ed orali sono sostenute in lingua tedesca.

3. Nel caso in cui si abbia un numero limitato di candidati, il Ministero si riserva di far svolgere gli esami accorpando pi¨ regioni, affidandone l'organizzazione ad un sovrintendente scolastico In tal caso, i candidati saranno tempestivamente avvertiti, con lettera raccomandata, della sede in cui saranno effettuate le prove d'esame.

Art. 3.- Requisiti di ammissione - 1. Alla sessione riservata degli esami di abilitazione di cui all'art. 1 sono ammessi, per una classe di abilitazione per la quale non siano giÓ forniti di abilitazione all'insegnamento alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda di partecipazione alla sessione riservata, indicato nel primo comma del successivo art. 4, gli insegnanti non di ruolo che abbiano prestato servizio, con il possesso del prescritto titolo di studio, per almeno trecentosessanta giorni, anche non continuativi nel periodo intercorrente fra l'anno scolastico 1982/83 e l'anno scolastico 1988/89 e che si trovino in una delle seguenti condizioni:

a) insegnanti che abbiano prestato servizio non di ruolo, nelle scuole ed istituti statali d'istruzione secondaria di secondo grado, ivi compresi i licei artistici e gli istituti d'arte, ovvero nelle rpedette scuole ed istituti e nella scuola media;

b) insegnanti che abbiano prestato servizio non di ruolo nelle istituzioni scolastiche e culturali italiane all'estero, con atto di nomina dell'amministrazione degli affari esteri;

c) insegnanti che abbiano prestato servizio nei Paesi in via di sviluppo ai sensi della Legge 9 febbraio 1979, n. 38.

2. I periodi di servizio di cui al comma 1, lettere a), b), e c), sono da intendersi cumulabili ai fini della validitÓ del requisito di servizio di trecentosessanta giorni.

3. Il personale docente indicato nel precedente primo comma partecipa alla sessione riservata per il conseguimento della sola abilitazione relativa all'insegnamento impartito nella scuola secondaria di secondo grado ed artistica. Qualora gli insegnamenti prestati nello stesso anno scolastico, ovvero in anni scolastici diversi, appartengano a pi¨ classi di abilitazione, riferite anche a scuole e istituti di grado diverso dell'istruzione secondaria, il docente interessato E' tenuto ad indicare nella domanda di ammissione alla sessione riservata la classe di abilitazione alla quale intende partecipare.

4. Gli insegnanti che hanno titolo a partecipare alla sessione riservata di esami di abilitazione devono essere in possesso del titolo di studio valido per la classe di abilitazione richiesta, indicato nella colonna 2 della tabella A allegata al D.M. 3 settembre 1982 e successive modificazioni ed integrazioni e citato in premessa.

5. Il personale che presenta domanda ai sensi della presente ordinanza non ha titolo a presentare analoga domanda ai sensi dell'ordinanza che indice la sessione riservata di esami di abilitazione all'insegnamento nelle scuole medie.

Art. 4.- Presentazione delle domande - Termini e modalitÓ - 1. La domanda di ammissione alla sessione riservata, redatta in carta semplice, deve essere indirizzata al sovrintendente scolastico di una qualsiasi regione, a scelta del candidato, e deve essere presentata in una sola regione, entro il 20 gennaio 1990 (1).

2. La domanda da compilare secondo il modello allegato (allegato 1) deve contenere tutte le indicazioni relative alla identitÓ dell'aspirante (cognome, nome, luogo e data di nascita), alla classe di abilitazione richiesta, al titolo di studio posseduto nonchÚ alla sua posizione di avente titolo all'ammissione alla sessione riservata

3. Alla domanda devono essere allegati:

a) il diploma (o sua copia autenticata) o certificato del titolo di studio (con l'indicazione dei singoli esami superati, qualora prescritti per l'ammissione);

b) la certificazione di servizio rilasciata dal competente preside, ovvero - per il servizio prestato all'estero - dalla competente autoritÓ diplomatica o consolare, attestante il possesso dei requisiti di cui al precedente art. 3. Alla domanda dovrÓ essere, altresý, allegata la ricevuta del pagamento della tassa di L. 4.000, ai sensi della Legge 2 agosto 1952, n. 1132, art. 3, versata sul conto corrente postale n. G.U. 1016 intestato all'ufficio registro tasse concessioni governative - tasse scolastiche.

4. Nella predetta certificazione di servizio deve essere indicata la durata del servizio.

5. La domanda, il titolo di studio ed i certificati di servizio devono essere spediti, per plico raccomandato, ovvero recapitati a mano; in questo ultimo caso, l'interessato ha diritto al rilascio della ricevuta comprovante l'avvenuta presentazione.

6. Le domande, i titoli di studio ed i certificati di servizio, spediti a mezzo raccomandata, si considerano prodotti in tempo utile se presentati all'ufficio postale entro il termine di cui al primo comma. A tal fine fa fede il timbro a data dell'ufficio postale accettante (art. 2, comma 3, D.P.R. 28 dicembre 1970, n. 1077) (2).

7. Per le domande recapitate a mano la data di arrivo E' attestata dal timbro a calendario dell'ufficio scolastico ricevente.

8. La firma in calce alla domanda dovrÓ essere autenticata da un notaio, da un cancelliere, dal segretario comunale o da altro funzionario competente a ricevere la documentazione. Per i dipendenti statali E' sufficiente, in luogo della predetta autenticazione, il visto, in calce alla domanda, del capo dell'ufficio o della scuola presso cui prestano servizio. Per i candidati che si trovano all'estero, la firma deve essere autenticata dalla competente autoritÓ consolare.

9. Non E' ammessa:

1) la domanda che sia stata presentata o spedita oltre il termine indicato al primo comma;

2) la domanda priva della firma del candidato.

10. Ai candidati, la cui domanda sia stata dichiarata inammissibile ai sensi dei numeri 1) e 2) del precedente comma sarÓ data immediata comunicazione con lettera raccomandata con avviso di ricevimento.

11. Il candidato ha l'onere di indicare l'esatto recapito; ogni variazione di recapito deve essere comunicata mediante lettera raccomandata, direttamente al sovrintendente scolastico della regione nella quale il candidato ha chiesto di partecipare alla sessione riservata.

L'amministrazione non assume alcuna responsabilitÓ per il caso di dispersione di comunicazione dipendente da inesatte indicazioni del recapito da parte dell'interessato o da mancata oppure tardiva comunicazione del cambiamento dell'indirizzo o recapito indicato nella domanda, nÚ per eventuali disguidi postali o telegrafici non imputabili all'amministrazione medesima.

(1) I candidati residenti o domiciliati all'estero debbono inoltrare la domanda per il tramite del Ministero degli Affari Esteri - Direzione generale per le relazioni culturali; detti candidati, fermo restando l'obbligo di presentare, nel il termine prescritto al comma 1, art. 4, la domanda di ammissione, possono presentare il prescritto titolo di studio e la certificazione di servizio nell'ulteriore termine di giorni trenta. La residenza o il domicilio in territorio di altro Stato dovrÓ essere comprovata mediante apposito certificato o attestazione, allegato alla domanda di ammissione.

(2) Gli uffici delle Sovrintendenze scolastiche devono conservare le buste contenenti le domande al fine di rendere certa e acquisita agli atti la data risultante dal timbro postale.

Art. 5.- Esclusione dalla sessione riservata - Regolarizzazione - 1. Tutti i candidati sono ammessi con riserva alla sessione riservata di abilitazione.

2. La mancanza del titolo di studio ovvero dei requisiti di servizio previsti dal precedente art. 3 comporta l'esclusione dalla sessione riservata.

3. Sono, altresý, esclusi dalla sessione medesima coloro che abbiano presentato pi¨ domande in regioni diverse o per pi¨ classi di abilitazione.

4. L'amministrazione pu˛ disporre in ogni momento, fino all'approvazione dell'elenco degli abilitati, l'esclusione dalla sessione riservata per difetto dei requisiti prescritti.

5. L'esclusione viene effettuata sulla base delle dichiarazioni fatte dal candidato nella domanda di ammissione e/o della documentazione prodotta, ovvero sulla base di accertamenti svolti dall'autoritÓ scolastica.

6. Il provvedimento di esclusione, debitamente motivato, E' adottato dal sovrintendente scolastico ed E' comunicato all'interessato mediante raccomandata con avviso di ricevimento; detto provvedimento deve, altresý, recare l'indicazione che avverso di esso E' ammesso, nei termini prescritti, ricorso gerarchico al Ministro della P.I., ai sensi degli articoli 1 e 2 del D.P.R. 24 novembre 1971, n. 1199, ovvero ricorso giurisdizionale direttamente al T.A.R., ai sensi della Legge 6 dicembre 1971, n. 1034.

7. L'eventuale ricorso gerarchico, deve essere trasmesso, per il tramite dell'organo che ha decretato l'esclusione, al Ministero della P.I. - Direzione generale del personale e degli affari generali e amministrativi - Div. IV - Viale Trastevere - 00100 Roma.

8. In pendenza di impugnativa, il ricorrente E' ammesso con riserva al prosieguo della sessione riservata.

9. Qualora i motivi che determinano le esclusioni previste dalla presente ordinanza siano accertati dopo l'approvazione dell'elenco degli abilitati, il sovrintendente scolastico disporrÓ, con apposito decreto l'annullamento delle prove stesse con conseguente esclusione dall'elenco degli abilitati.

10. E' ammessa la regolarizzazione della domanda qualora la firma dell'interessato non sia stata autenticata ovvero sia stata autenticata in modo difforme da quello prescritto dalle norme vigenti in materia; in tal caso, il sovrintendente scolastico concede al candidato il termine perentorio di giorni dieci dalla data dell'avvenuta notifica per provvedere alla regolarizzazione; in mancanza dell'adempimento richiesto, si procederÓ all'esclusione del candidato dalla sessione riservata.

11. Nel caso in cui il candidato abbia omesso in tutto o in parte il versamento della tassa di concessione governativa prescritta per l'esame di abilitazione all'insegnamento, il sovrintendente scolastico assegnerÓ al candidato il termine perentorio di giorni dieci per la regolarizzazione presso il competente ufficio del registro, in mancanza della quale, nel termine assegnato, procederÓ all'esclusione.

12. Soltanto per i candidati residenti o domiciliati all'estero, le regolarizzazioni di cui ai precedenti commi possono essere perfezionate entro e non oltre il giorno precedente a quello stabilito per lo svolgimento della prova scritta presso la sovrintendenza scolastica al quale sono stati inviati.

Art. 6.- Commissioni giudicatrici della sessione riservata di esami di abilitazione all'insegnamento - 1. Le commissioni giudicatrici della sessione riservata, una per ogni classe di abilitazione (1) e per ogni regione, sono nominate, con propri decreti, dal Ministro della P.I. ovvero nei casi di sostituzione dal sovrintendente scolastico che cura lo svolgimento della sessione riservata (2), secondo le disposizioni e le modalitÓ contenute nell'apposita O.M. 2 agosto 1984. Ciascuna commissione E' presieduta da un professore universitario o da un ispettore tecnico o da un preside ed E' composta da due docenti di ruolo della scuola secondaria statale di secondo grado, ivi compresi i licei artistici e gli istituti d'arte, con almeno cinque anni di anzianitÓ nel ruolo, titolari dell'insegnamento cui si riferisce l'esame ed in possesso dei requisiti di cui al D.M. 2 settembre 1982.

2. Per le classi di abilitazione relative a particolari discipline, in caso di mancanza di docenti titolari dell'insegnamento, la nomina pu˛ essere conferita a docenti di ruolo titolari dell'insegnamento di discipline affini (purchÚ in possesso dei requisiti di cui al citato D.M. 2 settembre 1982), ovvero, qualora ci˛ non sia possibile, a persona esperta estranea alla scuola (che non abbia avuto ovvero non abbia procedimenti penali in corso per uno dei delitti di cui alla lettera B) dell'art. 2 del D.M. 2 settembre 1982 citato).

3. Per la individuazione delle discipline affini si rinvia al D.M. 2 maggio 1979, con la precisazione che tutti gli insegnamenti riferiti alla classe di abilitazione indicata nella colonna 1 sono da intendersi affini a tutti gli insegnamenti riferiti alle classi di abilitazione elencate nella colonna 2 di cui agli artt. 1, 2 e 3 del citato D.M. 2 maggio 1979 (pubblicato nel supplemento ordinario n. 4 al Bollettino ufficiale, parte I, n. 21-22 del 24-31 maggio 1979.

4. Il presidente E' scelto, per sorteggio, tra coloro i quali, compresi negli appositi elenchi compilati, per i professori universitari, dal Consiglio universitario nazionale e, per il personale direttivo ed ispettivo dal Consiglio nazionale della P.I., abbiano dichiarato la propria disponibilitÓ alla nomina nella provincia, secondo le modalitÓ indicate nella O.M. 10 novembre 1986.

5. Anche per la nomina dei docenti a componenti di ciascuna commissione giudicatrice si procederÓ alla scelta per sorteggio tra i docenti in possesso dei requisiti di cui al precedente primo comma che ne abbiano fatto domanda secondo le modalitÓ indicate nell'O.M. 10 novembre 1986.

6. La nomina a componente le commissioni esaminatrici non pu˛ essere, di regola, conferita al medesimo docente per pi¨ di due volte immediatamente successive nella medesima sede.

7. Qualora il numero dei concorrenti che abbiano partecipato alle prove scritte sia superiore a cinquecento, la commissione E' integrata con le medesime modalitÓ, con altri tre componenti, di cui uno scelto tra i presidi, per ogni gruppo di cinquecento o frazione di cinquecento concorrenti. In tal caso la commissione si costituisce in sottocommissioni, alle quali E' preposto il presidente della commissione originaria che a sua volta E' integrata da un altro componente e si trasforma in sottocommissione, in modo che il presidente possa assicurare il coordinamento di tutte le sottocommissioni cosý costituite.

8. Qualora venga a mancare uno dei membri, il sovrintendente scolastico lo sostituisce, sempre con scelta per sorteggio e secondo le modalitÓ contemplate nella giÓ citata O.M. 2 agosto 1984, con altra persona appartenente alla stessa categoria, senza che occorra ripetere le operazioni di esame fino ad allora espletate.

9. Non possono far parte della commissione giudicatrice coloro che siano coniugi ovvero parenti od affini entro il quarto grado civile dei concorrenti.

10. Ugualmente non possono far parte della medesima commissione giudicatrice, contemporaneamente, coloro che siano legati da vincolo matrimoniale ovvero di parentela o affinitÓ entro il quarto grado civile.

11. All'atto dell'insediamento della commissione giudicatrice, il sovrintendente scolastico invita i membri della commissione a dichiarare per iscritto, sotto personale responsabilitÓ, di non trovarsi nelle condizioni di incompatibilitÓ di cui ai precedenti commi e di non trovarsi nelle situazioni previste dall'art. 2, lettere B) e C), del citato D.M. 2 settembre 1982. Nella medesima dichiarazione, inoltre, i membri della commissione dovranno confermare la propria posizione giuridica e, per i componenti docenti, anche la titolaritÓ dell'insegnamento della disciplina cui si riferisce l'esame di abilitazione, ovvero, nei casi previsti, la titolaritÓ dell'insegnamento della disciplina affine; i componenti docenti devono, altresý, dichiarare se abbiano svolto nella medesima sede, analoga funzione di membro di commissione giudicatrice per la medesima classe di abilitazione e/o di concorso in precedenti sessioni riservate e/o di concorsi a cattedre nelle due volte immediatamente precedenti.

12. Il personale esperto estraneo alla scuola deve dichiarare di non aver avuto ovvero di non avere in corso procedimenti penali per uno dei delitti di cui alla lettera B) dell'art. 2 del citato D.M. 2 settembre 1982.

13. L'insorgere, in qualunque fase della procedura della sessione riservata di abilitazione, di una delle sopracitate condizioni di incompatibilitÓ o di variazione di status dovrÓ essere immediatamente segnalata al competente sovrintendente scolastico; nel caso sia rilevata l'esistenza o il verificarsi di una delle predette situazioni ostative, il sovrintendente scolastico adotta i conseguenziali provvedimenti di sostituzione.

14. In caso di impossibilitÓ di procedere alle nomine ai sensi dell'art. 3 della Legge 20 maggio 1982, n. 270, e dell'art. 5 della Legge 16 luglio 1984, n. 326, si applica il disposto di cui all'ultimo comma dell'art. 12 del D.P.R. 31 maggio 1974, n. 417.

15. Non E' consentita la rinuncia alla nomina conferita salvo che per gravi e comprovati motivi da documentarsi adeguatamente direttamente al sovrintendente scolastico che cura lo svolgimento della procedura della sessione riservata al quale compete provvedere alla nomina in sostituzione. Nel caso in cui vengano addotti, a giustificazione della rinuncia, motivi di famiglia, il sovrintendente scolastico ne valuta, sulla base della documentazione prodotta o che sarÓ all'uopo richiesta, la gravitÓ e segnala il caso all'autoritÓ dalla quale il rinunciatario dipende, per l'adozione dei provvedimenti di competenza; nel caso in cui, invece, la rinuncia predetta sia determinata da motivi di salute, il sovrintendente scolastico dispone immediatamente accertamenti sanitari di controllo dandone tempestiva comunicazione all'autoritÓ da cui il rinunciatario dipende, per l'adozione dei provvedimenti di competenza, quale congedo straordinario o aspettativa.

16. Nei confronti del personale dichiarato decaduto dalla nomina per mancata assunzione delle funzioni, senza giustificato motivo, alle date stabilite e nei confronti del personale che abbia rinunciato alla nomina per motivi non riconosciuti validi saranno attivate le procedure disciplinari previste dalle norme in vigore.

17. Le funzioni di segretario sono svolte, sia per la commissione che per ciascuna sottocommissione, da un membro scelto tra i componenti la commissione o la sottocommissione.

18. La collegialitÓ della commissione esaminatrice o della sottocommissione deve realizzarsi nei vari momenti del procedimento degli esami stessi e non soltanto in quello finale o conclusivo. Non pu˛ essere consentito, pertanto, il frazionamento della commissione o sottocommissione nÚ l'esame contemporaneo di pi¨ candidati.

19. Il presidente ed i componenti la commissione giudicatrice sono esonerati dagli obblighi di servizio per il periodo di svolgimento della sessione riservata di abilitazione.

20. I lavori della commissione si svolgono in maniera continuativa

21. Ai membri della commissione giudicatrice vengono corrisposti, ai sensi dell'art. 5 della Legge n. 270/82, i compensi previsti dal D P.R. 11 gennaio 1956, n. 5 e successive modificazioni, in misura triplicata. Il compenso al presidente E' determinato con riferimento ad una sola sottocommissione con il maggior numero di candidati.

(1) Per la classe LXII per ciascuna delle singole lingue straniere

(2) A norma degli artt. 3, 4 e 35 della Legge 20 maggio 1982, n. 270, come modificati ed integrati dall'art. 5 della Legge 16 luglio 1984, n. 326.

Art. 7.- Prove di esame della sessione riservata di abilitazione all'insegnamento - Punti a disposizione della commissione giudicatrice - 1. Le prove di esame della sessione riservata di abilitazione all'insegnamento constano di una prova scritta e di una prova orale.

2. La prova scritta E' una per ogni classe di abilitazione. Per lo svolgimento della prova scritta i candidati potranno scegliere uno tra pi¨ argomenti proposti. La prova scritta che dovrÓ consistere nella trattazione di un argomento compreso, per ciascuna disciplina, nei programmi di insegnamento delle scuole ed istituti di istruzione secondaria di secondo grado, dovrÓ essere svolta sotto forma di lezione, privilegiandone l'aspetto metodologico-didattico con riguardo agli alunni cui la lezione stessa sarebbe destinata.

3. La prova orale avrÓ come riferimento iniziale i contenuti di quella scritta in relazione alle discipline comprese nelle classi di abilitazione per le quali i singoli candidati partecipino e dovrÓ tendere a sviluppare le connessioni con gli altri argomenti dei programmi di insegnamento, anche ai fini di una pi¨ organica valutazione dell'esperienza professionale acquisita dal candidato nello svolgimento dell'attivitÓ docente ed a seguito dell'eventuale frequenza di corsi di aggiornamento e di formazione.

4. La commissione giudicatrice dispone di ottanta punti di cui quaranta per la prova scritta e quaranta per la prova orale. Il voto, espresso in quarantesimi per ciascuna delle due prove, E' quello risultante dalla media aritmetica dei voti assegnati da ciascun membro della commissione giudicatrice. Non E' consentito ai componenti della commissione di astenersi dall'esprimere una valutazione. Superano la prova scritta, e sono ammessi a sostenere la prova orale, i candidati che abbiano riportato una votazione non inferiore a punti ventotto su quaranta (28/40). Superano la prova orale i candidati che abbiano conseguito una votazione di almeno punti ventotto su quaranta (28/40).

5. I candidati che abbiano superato la prova scritta e la prova orale conseguono l'abilitazione all'insegnamento nelle scuole ed istituti di istruzione secondaria, di secondo grado ed artistica.

Art. 8.- Prova scritta: data della prova - Vigilanza durante la prova - Correzione degli elaborati della prova - 1. Le prove scritte avranno luogo contemporaneamente in tutte le regioni, secondo un apposito calendario che sarÓ pubblicato nella G.U. della Repubblica italiana il giorno 9 febbraio 1990. Non sarÓ data alcuna comunicazione personale ai singoli candidati.

2. Dieci giorni prima della data fissata per la prova scritta i sovrintendenti scolastici affiggeranno agli albi dei rispettivi uffici gli elenchi delle sedi di esame, con la loro esatta ubicazione e con la indicazione della destinazione dei candidati distribuiti in ordine alfabetico, tra le varie sedi. Copie di detti elenchi saranno inviati a tutti i provveditori agli studi della regione per la immediata affissione ai rispettivi albi.

3. Quando fra i concorrenti vi siano non vedenti o invalidi che si trovino nell'impossibilitÓ di eseguire la prova con le modalitÓ stabilite, E' data facoltÓ alla commissione di adottare per essi, in relazione alla natura della minorazione, modalitÓ diverse, sempre che la prova possa offrire sufficienti elementi di giudizio. I candidati che si trovino in tali condizioni devono espressamente dichiararlo nella domanda di ammissione; devono inoltre inviare al sovrintendente scolastico una istanza specifica dieci giorni prima dell'inizio delle prove e presentarsi nel giorno antecedente alle prove medesime all'ufficio scolastico regionale che cura lo svolgimento della sessione riservata.

4. I candidati, muniti di uno dei documenti di identificazione indicati nel successivo art. 10, si presenteranno alle rispettive sedi di esame in tempo utile, tenendo conto che le operazioni di appello e di identificazione cominceranno alle ore 8, onde consentire di iniziare la prova scritta alle ore 9,30.

5. Perde il diritto a sostenere la prova il candidato che non si presenti nel giorno, nell'ora e nel luogo stabiliti.

6. Ai candidati che, in seguito a grave malattia da accertare con visita fiscale o per gravissimi motivi di famiglia riconosciuti tali dalla commissione giudicatrice, si trovino nella assoluta impossibilitÓ di partecipare alla prova scritta, E' data facoltÓ di sostenere la prova stessa in un giorno fissato dal Ministero, prima della conclusione della sessione riservata, in base alle proposte che saranno formulate dai sovrintendenti scolastici.

7. La domanda di rinvio va redatta su carta semplice ed indirizzata al sovrintendente scolastico che cura lo svolgimento della sessione riservata di cui alla presente ordinanza.

8. La vigilanza durante la prova scritta E' affidata dal sovrintendente scolastico agli stessi membri della commissione giudicatrice, ai quali, occorrendo, possono essere aggregati commissari di vigilanza scelti tra gli impiegati degli uffici scolastici.

9. Anche per la scelta dei commissari di vigilanza valgono i motivi di incompatibilitÓ previsti nel precedente art. 6; pertanto, anche i commissari di vigilanza sono tenuti a rilasciare la dichiarazione di cui al medesimo art. 6.

10. Qualora la prova scritta abbia luogo in pi¨ edifici, il sovrintendente scolastico istituisce per ciascun edificio un comitato di vigilanza presieduto da un membro della commissione giudicatrice o da un commissario di vigilanza da lui designato.

11. Gli argomenti delle singole prove scritte sono unici per tutte le sedi di esame e saranno inviati dal Ministero ai sovrintendenti scolastici in doppia busta sigillata nel numero di copie necessarie, in precedenza concordato con i sovrintendenti scolastici.

12. Il plico sigillato degli argomenti delle prove E' consegnato tempestivamente dal sovrintendente scolastico al presidente della commissione e, qualora la prova abbia luogo in distinti edifici, ai presidenti dei comitati di vigilanza, insieme con l'elenco dei candidati assegnati ai rispettivi edifici.

13. I componenti la commissione giudicatrice si riuniscono la mattina del giorno fissato dal Ministero per la prova scritta e procedono, coadiuvati dai commissari di vigilanza, all'appello nominale dei candidati ed all'accertamento della loro identitÓ personale sulla base dei documenti esibiti. Quindi il presidente della commissione giudicatrice e, qualora la prova abbia luogo in distinti edifici, i presidenti dei comitati di vigilanza, fatta constatare la integritÓ dei sigilli e della busta contenente gli argomenti delle prove, estraggono i temi e li dettano ai candidati.

14. Eventuali copie del testo dei temi dovranno essere accuratamente controllate dal presidente della commissione o, in mancanza, dal presidente del comitato di vigilanza.

15. Per lo svolgimento della prova scritta sono assegnate ai candidati otto ore. Durante la prova ai candidati E' proibito, a pena di esclusione, di comunicare tra loro e con l'esterno per qualsiasi motivo e di portare appunti, libri o note, ad eccezione dei dizionari, codici, tavole od altri testi che saranno, eventualmente, espressamente consentiti.

16. L'elaborato e la minuta della prova scritta debbono essere redatti, a pena di nullitÓ, su carta distribuita dall'amministrazione e portare il timbro d'ufficio e la firma di un membro della commissione esaminatrice ovvero del comitato di vigilanza.

17. Al termine della prova scritta, ciascun candidato, senza apporvi, a pena di nullitÓ, la firma nÚ altro contrassegno chiude l'elaborato unitamente alla minuta dentro una busta insieme ad un'altra di minor formato, che sarÓ pure debitamente chiusa, contenente una scheda con l'indicazione del proprio nome e cognome (le coniugate indicheranno il proprio cognome da nubile) del luogo e della data di nascita; quindi il candidato stesso consegna il tutto al presidente o ad uno dei membri presenti della commissione esaminatrice e del comitato di vigilanza, il quale apporrÓ immediatamente sulla busta la propria firma e la data senza indicare l'ora della consegna.

18. Tutte le buste sono poi raccolte in un medesimo plico sigillato, insieme al verbale della prova, nel quale debbono essere nominativamente indicati i candidati che non si siano presentati, si siano ritirati o siano stati allontanati nel corso della prova. Copia di detto verbale contenente l'elenco di tali candidati E' trasmesso al sovrintendente scolastico.

19. Le operazioni di correzione degli elaborati delle prove scritte dovranno essere iniziate nei giorni immediatamente successivi a quelli di espletamento delle prove stesse.

20. Il calendario dei lavori delle commissioni giudicatrici, con l'indicazione dell'orario giornaliero dei lavori concordato tra i componenti la commissione, sarÓ inviato ai competenti sovrintendenti scolastici dai presidenti delle singole commissioni.

21. La commissione, nel giorno in cui si riunisce per iniziare la revisione degli elaborati della prova scritta, procede, preliminarmente, alla riunione di tutte le buste contenenti gli elaborati al fine di evitare in ogni modo la individuazione della sede in cui E' stata svolta la prova e, successivamente, al conteggio di tutte le buste ancora chiuse. Il numero complessivo delle buste deve essere pari al numero dei candidati che hanno completato la prova. Il presidente stesso ripartisce, poi, le buste tra le diverse sottocommissioni, ove costituite; la commissione o ciascuna sottocommissione, verificata l'integritÓ delle singole buste contenenti i lavori, le apre, segnando in testa ad ogni lavoro e sulla busta piccola che racchiude la scheda con il nome del rispettivo autore, lo stesso numero.

22. Tutte le buste vuote che contenevano gli elaborati sono raccolte in un unico plico che sarÓ sigillato e conservato a cura del presidente, per essere unito a tutti gli atti della sessione riservata.

23. Ugualmente, tutte le buste piccole, ancora chiuse, che contengono le schede con l'indicazione delle generalitÓ dei singoli candidati sono raccolte in separato unico plico che, sigillato, sarÓ conservato a cura del presidente fino al completamento delle operazioni di correzione degli elaborati.

24. Compiuto l'esame di tutti i lavori e annotati di volta in volta su ciascuno, a penna, un breve giudizio ed il voto assegnato, si aprono le buste piccole e su ciascun tema viene trascritto il nome dell'autore con contestuale verbalizzazione. Si procede inizialmente con l'apertura delle buste dei candidati che hanno superato la prova scritta per aver riportato un voto non inferiore a ventotto su quaranta. Successivamente si procede, con le medesime modalitÓ all'apertura delle buste di tutti gli altri candidati.

25. Sono annullati i lavori nei quali la commissione abbia notato tracce sicure di plagio o segni di riconoscimento, sui quali la commissione dovrÓ esprimere un motivato giudizio.

26. Qualora una o pi¨ delle sottocommissioni costituite non possa, in una determinata giornata, validamente funzionare per l'assenza, anche se dovuta a grave o legittimo impedimento, di uno dei membri, le sottocommissioni validamente funzionanti procederanno regolarmente alla correzione degli elaborati della prova ad esse assegnati.

27. L'assenza, anche se dovuta a grave o legittimo impedimento, del presidente coordinatore non consente, in alcun caso, il funzionamento di alcuna delle sottocommissioni costituite.

Art. 9.- Prova orale - 1. La commissione giudicatrice della sessione riservata di abilitazione di cui al precedente art. 6, stabilirÓ con sorteggio, nel corso della prova scritta, l'ordine secondo il quale i candidati saranno chiamati a sostenere la prova orale.

2. I candidati ammessi alla prova orale saranno singolarmente convocati nella sede, per il giorno e l'ora fissati dalla commissione giudicatrice, con lettera raccomandata, almeno venti giorni prima della prova orale. Nella lettera di convocazione E' data anche comunicazione del voto riportato nella prova scritta (1).

3. L'elenco dei candidati giornalmente convocati sarÓ esposto all'albo del sovrintendente scolastico che cura lo svolgimento della sessione riservata e presso la scuola ove si svolgono le prove orali.

4. Di regola, sono convocati giornalmente, per ciascuna commissione o sottocommissione, da quattro a sei candidati, in relazione agli insegnamenti compresi nella classe di abilitazione. In particolare:

- sei candidati per le classi di abilitazione che comprendono una sola disciplina di insegnamento;

- cinque candidati per le classi di abilitazione che comprendono due o tre discipline di insegnamento;

- quattro candidati per le classi di abilitazione che comprendono pi¨ di tre discipline di insegnamento.

5. Perde il diritto alla prova orale il candidato che non si trovi presente quando giunge il suo turno; nel caso in cui i candidati siano impediti da gravi motivi, da documentarsi debitamente e, se si tratti di infermitÓ, mediante certificato medico, la commissione autorizzerÓ, solo una volta, il rinvio della prova orale, fissando contemporaneamente la nuova data.

6. La domanda di rinvio va indirizzata al sovrintendente scolastico che cura lo svolgimento della sessione riservata.

7. L'assegnazione a ciascuna delle eventuali sottocommissioni dei candidati presenti avverrÓ mediante sorteggio da effettuarsi all'inizio dei lavori di ciascun giorno di convocazione.

8. Qualora una o pi¨ delle sottocommissioni costituite non possa, in una determinata giornata, validamente funzionare per l'assenza, anche se dovuta a grave o legittimo impedimento, di uno dei propri membri, il sorteggio sarÓ effettuato tra tutti i candidati convocati per quella determinata giornata e presenti, sino al raggiungimento del numero dei canditi che le sottocommissioni validamente funzionanti dovranno esaminare, secondo quanto precisato dal quarto comma del presente articolo. I candidati non sorteggiati saranno, quindi, riconvocati per altra data.

9. L'assenza, anche se dovuta a grave o legittimo impedimento del presidente coordinatore, non consente, in alcun caso, il funzionamento di alcuna delle sottocommissioni.

10. Ogni giorno al termine di ciascuna seduta dedicata alla prova orale, la commissione forma l'elenco dei candidati esaminati con l'indicazione dei voti da ciascuno riportati. L'elenco sottoscritto dal presidente della commissione, E' affisso nel medesimo giorno all'albo del locale dove si svolgono gli esami.

11. Le sedute dedicate allo svolgimento delle prove orali sono pubbliche; peraltro, E' in facoltÓ del presidente della commissione ovvero del presidente coordinatore, su richiesta dei membri di una sottocommissionie, far allontanare quelle persone del pubblico che con il proprio comportamento arrechino disturbo o intralcio all'ordinato, corretto e sereno svolgimento delle prove.

(1) Per i candidati che, residenti o domiciliati all'estero, abbiano indicato nella domanda come domicilio o recapito solo una localitÓ estera, l'avviso di convocazione sarÓ inviato, per mezzo telegrafico, almeno trenta giorni prima della data fissata al Ministero degli Affari Esteri - D.G.R.C - Ufficio XI, il quale provvederÓ alla formale notifica nei termini previsti.

Art. 10.- Identificazione dei candidati - 1. I candidati debbono presentarsi, sia alla prova scritta che a quella orale, muniti di uno dei seguenti documenti di riconoscimento debitamente aggiornato:

1) fotografia di data recente (applicata sul prescritto foglio di carta bollata) provvista della firma del candidato, autenticata dal segretario comunale o da un notaio;

2) libretto ferroviario personale, se il candidato Ŕ dipendente dello Stato;

3) passaporto;

4) carta di identitÓ

5) tessera postale;

6) porto d'armi;

7) patente automobilistica;

8) libretto universitario.

Art. 11.- Verbali e relazione - 1. I processi verbali delle singole sedute di esame debbono essere contestualmente ed analiticamente redatte, in duplice copia, dal componente la commissione o sottocommissione che svolge le funzioni di segretario e debbono essere firmati da tutti i tre componenti ciascuna commissione o sottocommissione.

2. Dai verbali debbono risultare l'osservanza della procedura e delle formalitÓ prescritte nella presente ordinanza, i criteri seguiti ed i punti attribuiti da ciascun membro della commissione ad ogni candidato nelle singole prove d'esame.

3. Ogni commissario ha diritto di far verbalizzare le proprie eventuali osservazioni sulle operazioni di procedura.

4. Ai verbali E' unita una relazione riassuntiva generale sull'andamento della sessione riservata di abilitazione, corredata di eventuali osservazioni. Copia della relazione sarÓ inviata al Ministero della P.I. - Direzione Generale del Personale - Divisione X

Art. 12.- Approvazione e pubblicazione dell'elenco degli abilitati - 1. Alla conclusione dei lavori la commissione giudicatrice o le sottocommissioni in sede plenaria si riuniscono per compilare l'elenco, in ordine alfabetico, distinto per classi di abilitazione, dei candidati che hanno superato la prova scritta e la prova orale, completo delle generalitÓ (data e luogo di nascita) con l'indicazione, accanto a ciascun nominativo, dei punteggi riportati nelle singole prove e del punteggio complessivo conseguito.

2. Detto elenco E' pubblicato all'albo della sovrintendenza scolastica; nei cinque giorni successivi alla data di pubblicazione dell'elenco ciascun interessato pu˛ presentare reclamo scritto al sovrintendente scolastico esclusivamente per segnalare eventuali errori materiali od omissioni.

3. Il sovrintendente scolastico, esaminati i reclami pervenutigli, pu˛ procedere anche d'ufficio alle rettifiche e approva, in via definitiva l'elenco degli abilitati.

4. Avverso la mancata inclusione nell'elenco E' ammesso, per i soli vizi di legittimitÓ, ricorso giurisdizionale al competente Tribunale amministrativo regionale, ai sensi della Legge 6 dicembre 1971, n. 1034, ovvero ricorso straordinario al Capo dello Stato secondo le procedure previste dal D.P.R. 24 novembre 1971, n. 1199.

Art. 13.- Certificati di abilitazione - 1. I certificati di abilitazione, redatti secondo l'allegato modello (allegato 2), sono rilasciati dai sovrintendenti scolastici sulla base degli elenchi degli abilitati di cui al precedente art. 12 e degli atti in possesso dagli uffici.

2. Gli interessati dovranno produrre a tal fine domanda in carta legale diretta al sovrintendente scolastico, allegando alla stessa tante marche da bollo quanti sono i certificati richiesti, nonchÚ la ricevuta della tassa versata una tantum e nell'importo fissato dai competenti organi, a favore dell'opera universitaria, ovvero della regione nel cui ambito territoriale rientra l'universitÓ o l'istituto superiore presso cui E' stata conseguita la laurea o il diploma. A tale versamento sono tenuti soltanto coloro i quali hanno sostenuto l'esame di abilitazione in quanto in possesso di diploma di laurea o di titolo di studio rilasciato, da universitÓ o da istituti superiori universitari.

Art. 14.- Norme particolari per i candidati che presentano domanda nella provincia di Bolzano - 1. I candidati alla sessione riservata di cui alla presente ordinanza, non residenti nella provincia di Bolzano, devono allegare alla domanda una dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietÓ in cui dichiarano di essere di madre lingua italiana.

2. I candidati alla sessione riservata di cui alla presente ordinanza residenti nella provincia di Bolzano, in luogo del certificato rilasciato dal sindaco relativo alla dichiarazione di appartenenza ad uno dei gruppi linguistici resa in occasione del censimento della popolazione possono presentare una dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietÓ in cui dichiarano di essere di madre lingua italiana, ovvero tedesca, ovvero ladina.

Art. 15.- Norme transitorie - 1. Le domande prodotte nei termini dalla O.M. n. 278 del 7 agosto 1989, emanata in applicazione dell'art 11, comma 3, del D.L. 10 luglio 1989, n. 249, sono valide ai fini dell'ammissione alla sessione riservata di cui alla presente ordinanza; peraltro, i provvedimenti di inammissibilitÓ della domanda o di esclusione adottati sulla base della sopracitata O.M. decaduta per effetto della mancata conversione in Legge del D.L. n. 249/89, vengono meno, dovendosi eventualmente provvedere in ordine alla nuova situazione.

2. I candidati che abbiano prodotto domanda di ammissione alla sessione riservata di esami per il conseguimento dell'abilitazione all'insegnamento nei termini previsti dall'O.M. n. 278 del 7 agosto 1989, emanata in applicazione del D.L. 10 luglio 1989, n. 249, e che intendano partecipare alla sessione riservata in una sede e/o, sussistendone i requisiti, per una classe di abilitazione all'insegnamento diversa da quella scelta in precedenza, debbono produrre nuova domanda da compilare secondo il Modello allegato (all. 1) avendo particolare cura di compilare la parte ad essi riservata; inoltre, nel caso in cui venga comunque scelta una nuova sede di esame, copia in carta libera della nuova domanda deve essere inviata all'ufficio scolastico regionale al quale era stata indirizzata la precedente domanda, che, d'ufficio, provvederÓ a trasmettere al competente sovrintendente scolastico tutta la documentazione a suo tempo prodotta in allegato alla precedente domanda.

Art. 16.- Norme di rinvio - 1. Per quanto non espressamente previsto nella presente ordinanza valgono, semprechÚ applicabili, le disposizioni e le procedure indicate nelle norme citate in premessa e nel D.P.R. 29 aprile 1957, n. 972, con particolare riferimento agli artt. 8, 9, 10, 16, 18 (primo comma), 20, 23, 24, 25 (terzo comma).

ALLEGATO 1

Modello della domanda di ammissione alla sessione riservata di esami per il conseguimento nelle scuole ed istituti di istruzione secondaria di secondo grado, ivi compresi i licei artistici e gli istituti d'arte

Al sovrintendente scolastico

di ╔╔╔╔

╔l╔ sottoscritt╔ (cognome e nome) ╔╔╔╔╔ (1) nat╔ a ╔╔╔╔╔ (prov. di ╔╔╔╔) il ╔╔╔ chiede di essere ammess╔ alla sessione riservata di esami per il conseguimento dell'abilitazione all'insegnamento nelle scuole ed istituti di istruzione secondaria di secondo grado, ivi compresi i licei artistici e gli istituti d'arte, prevista dall'art. 11 (comma terzo) del D.L. 6 novembre 1989, n. 357 ╔╔╔╔ (2)

A tal fine, ╔l╔ sottoscritt╔ dichiara di:

1) essere in psossesso di (3) ╔╔╔╔

2) non essere in possesso dell'abilitazione all'insegnamento per la clase per la quale inoltra la presente domanda;

3) aver prestato i seguenti servizi (4):

anno scolastico: 19.../19....

scuola o istituto ..............

tipo di nomina ...............

insegnamento prestato ............

durata del servizio dal ........ al .......

4) non aver prodotto domanda in altra regione;

5) non aver prodotto domanda per altra classe di abilitazione.

(Solo per i candidati che abbiano la residenza o il domicilio all'estero)

╔l╔ sottoscritt╔ avendo (residenza o domicilio) ╔╔╔╔ all'estero, si riserva di presentare il diploma e la certificazione di servizio entro il trentesimo giorno dal termine fissato per la presentazione della domanda di ammissione.

A tal fine, allega certificazione attestante (residenza o domicilio) ╔╔╔╔ all'estero;

(Solo per i candidati che, avendo prodotto, nei termini, domanda di ammissione alla sessione riservata di esami per il conseguimento dell'abilitazione all'insegnamento indetta con l'O.M. emanata in applicazione del D.L. 10 luglio 1989, n. 249, intendano partecipare alla sessione riservata, sussistendone i requisiti per una classe di abilitazione diversa da quella scelta in precedenza):

╔l╔ sottoscritt╔ dichiara di revocare la domanda di ammissione alla sessione riservata di esami per il conseguimento dell'abitazione all'insegnamento indetta in applicazione del D.L. 10 luglio 1989, n. 249, indirizzata alla S.V. per la classe (2) ╔╔╔╔

(Solo per i candidati che, avendo prodotto, nei termini, domanda di ammisione alla sessione riservata di esami per il conseguimento dell'abilitazione all'insegnamento indetta con l'ordinanza ministeriale emanata in applicazione del decreto-legge 10 luglio 1989, n. 249, intendano partecipare alla sessione riservata in una sede diversa da quella scelta):

╔l╔ sottoscritt╔ dichiara di revocare la domanda di ammissione alla sessione riservata di esami per il onseguimento dell'abilitazione all'insegnamento indetta in applicazione del decreto legge 10 luglio 1989, n. 249, indirizzata al (5) ╔╔╔╔╔ di (5) ╔╔╔╔╔ per la classe (2) ╔╔╔

A tal fine ╔l╔ sottoscritt╔ invia copia, in carta libera, della presente domanda al sopracitato (5) di (5) ╔╔╔, che Ŕ pregato di vole trasmettere diretamente alla S.V. tutta la documentazione allegata alla domanda precedentemente prodotta.

Si allegano (6):

1) titolo di studio;

2) n. ╔ certificati di servizio;

3) ricevuta di versamento della tassa di ammissione agli eami di abilitazione di L. 4.000 sul conto corrente postale n. G.U. 1016 intestato all'Ufficio del registro - tasse concessioni governative - tasse scolatiche.

Data ╔╔╔

Firma (7) ╔╔╔╔╔

Indirizzo o recapito (8) ╔╔╔╔╔╔╔

(1) Le donne coniugate indicheranno il cognome da nubile.

(2) Indicare il numero e la denominazione dell'abilitazione, come da elencazione contenuta nell'art. 1 della presente ordinanza.

(2) Indicare il numero e la denominazione dell'abilitazione, come da elencazione contenuta nell'art. 1 della presente ordinanza.

(3) Indicare il titolo di studio (laurea o diploma) valido per l'ammissione, come previsto dalla tabella A annessa al D.M. 3 settembre 1982, e successive modificazioni ed integrazioni.

(4) Si richiama l'attenzione, in particolare, sui requisiti di servizio previsti nell'art. 3 della presente ordinanza ministeriale. A tal fine il candidato avrÓ cura di indicare puntualmente il servizio prestato, cronologicamente (dall'anno scolastico 1982/83 all'anno scolastico 1988/89) secondo lo schema predisposto, specificando: la scuola o istituto, il tipo di nomina conferita (esempio, supplenza annuale, supplenza temporanea, corso CRACIS etc ╔), l'insegnamento prestato e la durata di ciascun servizio prestato.

(5) Indicare l'autoritÓ scolastica (Sovrintendente scolastico regionale/interregionale) e relativa sede.

(6) I candidati che intendano avvalersi della documentazione prodotta in allegato alla domanda di ammissione alla sessione riservata di esami di abilitazione all'insegnamento indetta in applicazione del decreto legge 10 luglio 1989, n. 249, sono esonerati dall'allegate la medesima documentazione. Sono tuttavia tenuti ad allegare ogni ulteriore documentazione necessaria ai fini della presente ordinanza.

(7) La firma deve essere autenticata secondo le modalitÓ indicarte nell'art. 4, ottavo comma, della presente ordinanza.

(8) Indicare con esattezza l'indirizzo o il recapito; richiamasi quanto precisato nell'art. 4, undicesimo comma, della presente ordinanza.

ALLEGATO 2

Ministero della Pubblica Istruzione

Ufficio scolastico regionale/interregionale ..............

Certificato di abilitazione - Classe .................

..............

(scrivere stampatello: cognome - per le coniugate quello di nubile - e nome)

nat... a ............ il ............. in possesso di ............ ........

(specificare il titolo di studio in base al quale Ŕ stato ammesso alla sessione di esami)

ha partecipato alla sessione riservata di esami per il conseguimento dell'abilitazione all'insegnamento, indetta ai sensi dell'art. 11, terzo comma, del D.L. 6 novembre 1989, n. 357, conseguendo l'abilitazione all'insegnamento di .......

(riportare esattamente la denominazione indicata nella tabella A del D.M. 3 settembre 1982, e successive modificazione ed integrazioni)

con punti ...... /80 ............. su ottanta

(in cifre) (in lettere)

Visti gli atti, si rilascia il presente certificato.

Data, ............

Il sovrintendente scolastico ............



LE FastCounter